energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Renzi “silenzioso” ritorna e si butta nel lavoro Politica

Fine delle vacanze, il sindaco torna a Palazzo Vecchio dopo le ferie statunitensi, ma non si lascia sfuggire neanche una parola sulle vicende romane. Anzi: all'arrivo stamane nel suo ufficio, ha subito incontrato i dirigenti e si è gettato nell'organizzazione dell'agenda cittadina dei prossimi giorni.

''Lavoriamo concentrati su Firenze, di quel che succede a Roma non so niente'', la battuta scambiata con chi sperava in una interruzione del “silenzio” sui fatti nazionali. Senza por tempo in mezzo, ha dato seguito alle intenzioni: nel pomeriggio di oggi ha visionato lo stato dei lavori di via Sant'Agostino, in Oltrarno, mentre domani è previsto un sopralluogo nei cantieri delle scuole. Ancora, sarà al nuovo Auditorium della musica e saranno inaugurati nuovi cassonetti interrati e terminati i lavori dei mondiali di ciclismo. Insomma, un vero e proprio ciclone, come sussurrano i maligni, forse per riempire con il lavoro, che a Firenze non manca, l'attesa degli esiti romani.  Tanto che domani non sarà neppure alla riunione dei sindaci a Roma, dove il Comune di Firenze sarà rappresentato dall'assessore Alessandro Petretto, anche se ci si interroga sulla lunga telefonata del primo cittadino di Firenze  con il presidente dell'Anci Piero Fassino sulla questione dell'Imu.

La prima uscita pubblica, invece, è programmata per questa sera, per l'esordio della Fiorentina contro il Catania.
Bisognerà dunque attendere venerdì per sentire qualche riflessione di Renzi sui temi di politica nazionale che lo riguardano molto da vicino, come si è visto in questi ultimi giorni. E per rompere il silenzio, il sindaco rottamatore ha scelto la rossa Emilia-Romagna, dove sembra che stia mietendo sempre più successo, grazie anche ai buoni uffici degli emiliani Graziano Delrio ministro per gli affari regionali,  Matteo Richetti e Virginio Merola, sindaco di Bologna. L'agenda emiliano-romagnola di Renzi prevede alle 18 di venerdì prossimo intervento alla festa democratica di Borgo Sisa (Forlì), mentre alle 21, nuovo intervento a quella di Reggio Emilia, dove ad attenderlo ci sarà proprio il ministro per gli Affari regionali Delrio.

Se sarà difficile che Renzi sciolga le riserve su una sua eventuale candidatura alla segreteria del Pd prima che siano definite le regole nell'assemblea del partito convocata per il 20 e 21 settembre, intanto Renzi si concentra al massimo sullo scorcio del suo mandato fiorentino, gli ultimi otto mesi di legislatura. Cercando di dare sostanza allo slogan che filtra dallo staff del sindaco, “Detto fatto”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »