energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Riapre l’ex cinema Faro di Firenze Cronaca

Firenze – Riapre domani, sabato 30 marzo, come sala polivalente e dopo essere stato chiuso all’inizio degli anni Novanta, l’ex Cinema Faro, collocato nel seminterrato della chiesa dell’Immacolata a Montughi. Un locale storico che ha costituito un punto di riferimento importante per la formazione e la ricreazione di intere generazioni che si sono succedute nel quartiere. La chiusura fu determinata dalla vetustà degli impianti e dalla crisi delle piccole sale cinematografiche.

L’inaugurazione di domani, alle ore 21 sarà, in realtà, una apertura temporanea perché sono in corso le pratiche di rilascio dell’agibilità che dovrebbero completarsi in tempi rapidi. L’inaugurazione segnerà anche la conclusione della visita pastorale del Cardinale Arcivescovo Giuseppe Betori. Sarà proprio il Cardinale  a benedire i nuovi locali alla presenza dei parrocchiani, dei parroci e cappellani che si sono succeduti in questi anni e del direttore della Fondazione CR Firenze Gabriele Gori.

E’ stato infatti grazie al contributo determinante della Fondazione se è stato possibile, sulla base di un progetto di trasformazione del locale in sala polivalente, avviare a partire dal 2013 importanti lavori di ristrutturazione e di adeguamento che hanno interessato la struttura – con modifiche interne e consolidamenti – ed hanno consentito la realizzazione di nuovi servizi, di un’uscita di sicurezza e il rinnovo di tutti gli impianti. A questo intervento hanno contribuito anche i tanti parrocchiani dell’Immacolata e donatori privati.

La nuova Sala della Comunità Il Faro ha 250 posti ed è prevista la realizzazione di una pannellatura mobile per formare così due ambienti separati ed accogliere anche due eventi diversi. La comunità parrocchiale dell’Immacolata e soprattutto i numerosi giovani che la frequentano avranno così un ampio spazio a disposizione per le loro attività culturali e ricreative. Ma sarà un ambiente aperto a tutto il quartiere, così da ospitare una pluralità di iniziative ed essere davvero un luogo di condivisione, di ricreazione e di formazione spirituale e culturale.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »