energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Rider Foodora: trattative per salvare il posto di lavoro Economia

Firenze – La vicenda dei 200 rider che hanno perso il lavoro lo scorso 30 novembre a causa della scadenza dei loro contratti di lavoro e collegata al passaggio di Foodora a Glovo torna d’attualità. Il consigliere per il lavoro del presidente della Regione, Gianfranco Simoncini, ha convocato i rappresentanti di DS XXXVI ITALY Srl, la società ex Foodora oggi acquisita dagli spagnoli di Glovo. Era presente anche una delegazione del Comune di Firenze.

Simoncini ha ribadito la forte della volontà politica del presidente Rossi  che più volte ha chiesto continuità occupazionale per i 200 lavoratori e la garanzia, da estendere naturalmente a tutti i lavoratori digitali, del rispetto della legislazione nazionale a partire da un contratto e di condizioni di lavoro che tutelino diritti e sicurezza.

Il rappresentante di DS XXXVI ITALY ha informato le istituzioni presenti che la volontà di Glovo è quella di ristrutturare ulteriormente fondendo questa azienda con Foodinho, l’altra società del gruppo presente in Italia. Di tale fusione sono state informate le organizzazioni sindacali a livello nazionale a cui è stato riferito che per i dipendenti verranno rispettati gli obblighi di legge.

Il rappresentante aziendale ha inoltre informato che per i prossimi giorni è già stata fissata una riunione tra azienda e sindacati per discutere di continuità occupazionale e modalità contrattuali di tutti gli occupati collegati alle due società ed in particolare i raider ex Foodora.

Simoncini ha auspicato che dall’incontro sindacale possa scaturire un accordo che garantisca l’occupazione e il rispetto delle condizioni contrattuali migliori per tutti i lavoratori e lavoratrici coinvolti e a nome del governo regionale, ha preannunciato che continuerà a seguire la vertenza, riservandosi di convocare anche un incontro congiunto azienda sindacati laddove ne emergesse la necessità

Print Friendly, PDF & Email

Translate »