energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Riders in presidio, breve incontro col neo presidente Giani Breaking news, Foto del giorno

Firenze – Un esercito di biciclette per le strade fiorentine con presidio finale in piazza Duomo: non finiscono le proteste dei Riders fiorentini, sostenuti dalla Nidil Cgil, contro il contratto di lavoro firmato da Ugl con Assodelivery (sigla che riunisce le piattaforme Glovo, Deliveroo, Just Eat, Uber Eats). Il presidio si è tenuto davanti alla sede della presidenza della Regione Toscana, dove oggi si è insediato il nuovo presidente Eugenio Giani, con cui Riders e Nidil hanno avuto un breve colloquio al suo arrivo in Regione.

“Noi non condividiamo nel merito questo contratto che peggiora le condizioni dei lavoratori – ha ribadito Ilaria Lani, segretaria Nidil Cgil Firenze – crediamo che sia anche illegittimo perché non può un solo sindacato firmare un contratto e decidere le regole per tutti”. Per Yfatalem Parigi, rappresentante dei lavoratori dei riders fiorentini “è un contratto che riesce a peggiorare i diritti della nostra categoria. Inoltre Deliveroo ha mandato a tutti i riders una lettera nella quale ha intimato di firmare il nuovo contratto altrimenti li avrebbe tutti licenziati, quindi i lavoratori sono costretti a firmare entro il 2 novembre un contratto che peggiorerà la loro condizione”. Dalla Nidil Cgil informano che si sta valutando anche l’esperimento di ricorsi in tribunale contro il contratto Ugl-Assodelivery e contro le possibili interruzioni di lavoro che ne potrebbero derivare.

“Oggi mi sento un rider come voi e mi fa piacere che questo incontro avvenga in una giornata così particolare: mi consente di dire che la Regione farà tutto quanto in suo potere per sostenere la vostra battaglia per un lavoro sicuro e tutelato”. Sono state le parole con il  presidente Giani si è rivolto al gruppo di lavoratori delle consegne a domicilio.

“Le vostre questioni – ha aggiunto il govrnatore  – riguardano diritti del lavoro, con riflessi anche di carattere costituzionale, che chiamano in causa competenze dirette dello Stato. La vostra è una battaglia che ha un respiro nazionale, ma la Toscana – ha concluso – sarà al vostro fianco”.

Foto: Luca Grillandini

Print Friendly, PDF & Email

Translate »