energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Rifiuti: Toscana da primato nella raccolta di frigo, tv e monitor Cronaca

Firenze –  Presentato oggi a Firenze il “Dossier sulla gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche in Toscana”, realizzato dal Centro di Coordinamento RAEE. Con un +2,15% rispetto al 2013, le statistiche del Centro mostrano un trend positivo, e in crescita, per quanto attiene a questo tipo di raccolta differenziata.

La Toscana mantiene quindi il primato tra le regioni del Centro Italia, sia per quanto riguarda la raccolta complessiva (oltre 20 milioni di kg) sia quella pro capite, che con 5,41 kg si colloca ben al di sopra della media nazionale. Un risultato in linea con gli obiettivi di raccolta stabiliti dalla normativa europea che, oltre a confermare la virtuosità del nostro territorio, consente di sostenere e finanziare – in accordo con le Autorità d’Ambito (AAto) – la diffusione dei Centri di Conferimento, ovvero le strutture dove i cittadini possono consegnare gratuitamente i propri RAEE.

Nel 2009 erano 118; nel 2014 sono saliti a 192 che, sommati con ad altri luoghi di raggruppamento (che raccolgono i rifiuti “uno contro uno” al momento dell’acquisto di una nuova apparecchiatura elettrica o elettronica) e ad altri 8 centri di soggetti privati e istallatori, portano alla presenza di ben 6 Centri di Conferimento ogni 100mila abitanti. Nella classifica dei diversi tipi di RAEE, al primo posto troviamo i “Grandi Bianchi” con il 34% del totale raccolto, seguiti da Tv e Monitor (27%) e climatizzatori/condizionatori (25%). Aumenta infine dell’1% rispetto al 2013 la percentuale dei piccoli elettrodomestici (13%).

Firenze si piazza al primo posto della raccolta assoluta, con oltre 6 milioni di kg di rifiuti RAEE raccolti nel corso del 2014.seguono Lucca e Pisa, entrambe con poco più di 2,4 milioni di kg. Il podio si inverte se si guardano i dati relativi alla raccolta pro capite, che vede Lucca al primo posto (con 6,11 kg) seguita da Firenze (6,03 kg) e Arezzo (5,86 kg). I risultati peggiori della classifica della raccolta pro capite vanno a Prato e Massa Carrara. Rispetto al 2013 l’andamento della raccolta è variata molto da provincia a provincia: risultati in crescita per Firenze (+ 13,47%), Pisa (+ 12,49%), Arezzo, Livorno, Lucca e Pistoia. Trend negativo, invece, per Prato (- 36%), Massa Carrara (- 13,59%), Grosseto (- 8,6%) e Siena (- 7,17%), malgrado sia proprio quest’ultima la provincia con il più alto numero di centri di raccolta ogni 100mila abitanti (16).

Durante l’incontro – a cui hanno partecipato Federica Fratoni, assessore regionale all’Ambiente e Difesa del Suolo, e Fabrizio Longoni, direttore generale del Centro di Coordinamento RAEE – sono stati presentati anche alcuni dati parziali del 2015, che sembrano indicare un’ulteriore crescita del 3,55%. Per quanto riguarda i tipi di RAEE, la classifica, sostanzialmente, resta invariata.

 

Foto: www.meteoweb.eu

Print Friendly, PDF & Email

Translate »