energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Rilancio turistico e culturale del Lago dell’Accesa Notizie dalla toscana

Massa Marittima – Grazie ad un bando regionale che attinge ai fondi europei, il Comune di Massa Marittima (Gr) potrà realizzare un grande progetto di valorizzazione del Lago dell’Accesa con una serie d’interventi pari a 137 mila euro.

La domanda del Comune è stata infatti inserita nella graduatoria, al secondo posto, di quelle “potenzialmente finanziabili”. Il progetto di Massa Marittima è in dirittura di arrivo e, come tutti gli altri, deve solo attendere il vaglio dei requisiti da parte di Artea (Azienda Regionale Toscana Per Le Erogazioni In Agricoltura).  Gli interventi, finanziati al 100%, permetteranno un rilancio turistico e culturale del Lago dell’Accesa nel segno dell’innovazione e della sicurezza.

Il lago è specchio d’acqua di forma circolare, di circa 4 km quadrati con una profondità che varia dai 20 ai 40 metri inserito in un contesto naturalistico e ambientale unico, non solo per Massa Marittima ma per tutto il territorio maremmano. Un Sito di Interesse Comunitario (SIC), che rientra nei percorsi  del  circuito  delle  strade  del  vino, ed è  una  delle  emergenze archeominerarie  del  Parco  Archeologico  e  Tecnologico delle Colline Metallifere  (dove ha  ottenuto anche un importante riconoscimento come Geosito UNESCO). Inoltre da molti anni all’Accesa continua a sventolare la bandiera con le cinque vele blu di Legambiente e del Touring Club Italiano per segnalare le località marittime e lacustri italiane di eccellenza. “Per tutti questi motivi il tema della valorizzazione del Lago  ci sta particolarmente a cuore – ha sottolineato il sindaco di Massa Marittima Marcello Giuntini – e avere ora la possibilità a portata di mano di realizzare una serie d’interventi sul piano ambientale, culturale e turistico è un punto d’orgoglio per l’Amministrazione Comunale e per la tutta la comunità massetana. Inoltre sono anche previsti interventi per migliorare la sorveglianza, sia per la tutela dell’ecosistema ma anche per una fruizione più ordinata dell’area,  il nostro progetto va anche in quella direzione”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »