energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Rimozione Concordia: ancora un rinvio Cronaca

Isola del Giglio (Grosseto) – La Costa Concordia avrebbe dovuto lasciare l’isola del Giglio nella giornata di oggi, martedì 22 luglio. E, invece, non lo farà. La partenza della nave naufragata il 13 gennaio 2012 sulle secche di Punt Gabbianara è stato posticipato a mercoledì 23 luglio. Il forte vento ed alcuni piccoli inconvenienti di natura tecnica hanno portato ad optare per un nuovo rinvio della rimozione del relitto.

“Meglio non fare le cose frettolosamente e completare tutto entro mercoledì”, ha dichiarato l’ad di Costa Crociere, Michael Thamm. “Non c’è nessun problema tecnico”, ha spiegato invece l’ingegner Sergio Girotto, di Micoperi. Fatto sta che la Concordia rimarrà un altro giorno al Giglio. E non l’ha presa bene il sindaco dell’isola dell’Arcipelago toscano, Sergio Ortelli: “Comprendo le difficoltà tecniche, ma l’apprensione mia e dei miei cittadini è alta”. “Ho fiducia che tutto si possa concludere nel minor tempo possibile”, ha proseguito il primo cittadino gigliese, spiegando comunque di essere irritato per il nuovo rinvio della partenza della Concordia per Genova.

La nava è ormai riemersa quasi quanto basta per essere portata via. Anche il “ponte Grecia” è riaffiorato e resta soltanto il “ponte Belgio” da rimettere in galleggiamento. Altri tre cassoni sono stati installati e mncano ormai solo tre metri di rigalleggiamento per concludere le operazioni. Forse si sarebbe potuto concludere anche per la rimozione nella giornata di martedì ma, in fin dei conti, a questo punto la fretta sarebbe stata una cattiva consigliera.

Se tutto procederà come previsto, mare permettendo, la Concordia salperà dal Giglio alla volta di Genova fra le 13.00 e le 15.00 di mercoledì. Dalle 8.30 inizieranno le manovre di posizionamento del relitto ed il traffico marittimo attorno all’isola sarà congelato, per riprendere probabilmente intorno alle 16.00.

Arpat, l’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, ha frattanto reso noti gli esiti delle analisi sugli ultimi campionamenti ambientali prelevati attorno alla Concordia. In fin dei conti, tutto risulta nella norma (solventi e test di tossicità), eccezion fatta per una lieve presenza di tensioattivi e di idrocarburi.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »