energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Riscatto Fiorentina, prestazione convincente contro l’Udinese Sport

Firenze – La Fiorentina torna alla vittoria dopo la debacle dell’Olimpico contro la Roma battendo con un perentorio 3-0 l’Udinese davanti a un Franchi in festa. Buona la prova dei viola, scesi in campo col piglio giusto per cercare la vittoria e rimanere così ancoràti al treno Uefa aspettando i risultati di domani.

La risposta tanto attesa dopo le ultime uscite poco convincenti è arrivata, con una prestazione non straordinaria ma sufficiente per abbattere un Udinese con pochi stimoli e poche idee. Senza Kalinic, ancora non al meglio dopo l’infortunio, è toccato a Babacar guidare l’attacco, sostenuto da Bernardeschi e un Borja Valero in grande spolvero, autore del gol del vantaggio.

Il bomber di casa viola, dopo le critiche di Roma, ha firmato il cartellino segnando il gol del raddoppio e raggiungendo così quota 5 in campionato, a sottolineare che benchè le prestazioni non siano sempre di livello, il ragazzo il gol ce l’ha nel sangue. Il terzo gol è arrivato su calcio di rigore trasformato da Bernardeschi, autore di una prova maiuscola che fan ben sperare per il proseguo del campionato insieme al nuovo acquisto Saponara, in campo nel finale e autore di numeri di alta qualità.

Di positivo, oltre all’approccio alla gara, c’è stato anche Tatarusanu autore di un vero e proprio miracolo su Zapata e protagonista di una gara giocata con sicurezza anche nelle uscite alte, un po’ il suo punto debole. Ma è stato tutta la squadra a girare bene, col possesso palla ancora troppo lento ma apparso oggi più fluido e scorrevole, senza dare ai bianconeri possibilità di tessere trame offensive particolarmente pericolose. Risultato quindi meritato per la squadra di Sousa, che adesso aggancia il Milan e si porta a due lunghezze dalla sorpresa Atalanta e dall’Inter e tre dalla Lazio, in attesa che giochino domani.

Sousa si dice contento della prestazione dei suoi: “ Io sono soddisfatto. Vi ho sempre detto che ho un gruppo straordinario. Dopo il 2-0 a Roma la squadra ha leggermente mollato mentalmente, ma può starci. La costanza si ottiene con la qualità. Penso che abbiamo fatto già un passo grande ma dobbiamo continuare a crescere, perché non è sufficiente. Voglio una squadra coraggiosa e ambiziosa, che competa fino alla fine per fare i punti. La squadra, con il nostro gioco, ci prova. L’Udinese fisicamente è forte, specialmente davanti. Le loro punte gestiscono bene, sia in profondità che spalle alla porta. C’era bisogno di maturità nel gestire dall’inizio alla fine per vincerla. Saponara al posto di Berna con il Milan? Ha fatto tre allenamenti, viene da una lesione. A livello fisico gli manca ancora qualcosa ma è un giocatore che ha buone qualità e ci aiuterà. Kalinic? Siamo felici di averlo. Ha avuto questa opportunità e la sta cogliendo bene, crescendo gara dopo gara. Godiamocelo al massimo. Futuro? Con le vittorie il mercato si apre, e arriveranno opportunità, che saranno tutte da valutare”.

Anche Babacar ha parlato a fine gara:””Io sto lavorando ogni giorno per migliorare, e mi stanno aiutando tutti. Devo stare tranquillo e giocare insieme ai miei compagni. Critiche? Se fai gol sei il bomber se non lo fai… Noi purtroppo abbiamo questo mestiere, ma restiamo concentrati che manca ancora molto. Parole di Sousa? Per sfortuna abbiamo perso con la Roma ma in campo abbiamo dato tutto. Continuiamo con questa testa e questo atteggiamento. Devo migliorare in tutto: cattiveria, corsa, aiutare la squadra”.

Cognigni parla a tutto tondo della stagione viola:” È stato molto importante vincere oggi, la squadra si è ritrovata immediatamente e questo ci fa ben sperare. Il caso Kalinic? Non abbiamo mai messo il cartellino vendesi sul giocatore e non abbiamo mai avuto intenzione di vendere Kalinic: il suo prezzo è talmente alto che nessuno si è mai avvicinato. Un grazie ai tifosi perché non era facile sostenere così la squadra dopo il 4-0 di Roma. Dobbiamo continuare sulla falsa riga di stasera, davanti a noi ci sono ancora tante partite. Vincere così vuol dire avere la convinzione dei propri mezzi, i giocatori applicano in campo gli schemi del mister. È un’iniezione di fiducia in vista della gara col Borussia. Il progetto stadio? Ho letto tante cose curiose sul ritardo della presentazione: noi abbiamo rispettato l’impegno di presentare entro il 28 di dicembre il progetto ed il 10 di marzo presenteremo le carte”.

Adesso testa alla gara europea di giovedì contro il Borussia con l’obiettivo di fare risultato per andare avanti in uno degli obiettivi stagionali, poi domenica serà sarà Milan-Fiorentina, scontro diretto e chiave di volta di una stagione ancora tutta da decifrare.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »