energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Rosetta sulla cometa: in diretta all’Università di Pisa STAMP - Università

Pisa – Dopo più di 10 anni di viaggio, la sonda Rosetta sbarca sulla cometa Churyumov-Gerasimenko e il dipartimento di Fisica dell’Università di Pisa organizza una conferenza e una diretta per seguire l’evento.

L’appuntamento è mercoledì 12 novembre, a partire dalle ore 18, nell’Aula Magna del Polo Fibonacci, dove Pierre Henri del CNRS (Francia), ex-dottorando a Pisa e attualmente co-investigatore di un esperimento a bordo della sonda Rosetta, presenterà la missione e i suoi obiettivi scientifici. Seguirà la trasmissione in diretta dell’evento organizzato dal centro operativo dell’ESA, durante il quale saranno mostrate le prime immagini riprese dal lander. L’avvenimento, organizzato dal professor Francesco Califano del dipartimento di Fisica dell’Ateneo pisano, è di particolare rilevanza perché sarà la prima volta che un veicolo costruito dall’uomo tenterà di atterrare su una cometa.

Rosetta è una missione dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) dedicata all’esplorazione dei corpi minori del Sistema Solare. Il suo obiettivo primario è quello di seguire la cometa Churyumov-Gerasimenko durante parte della sua orbita attorno al Sole e di studiarla da vicino. Dopo il lancio in marzo 2004 e più di dieci anni di viaggio, Rosetta ha finalmente raggiunto la cometa in agosto 2014. L’obiettivo scientifico principale della missione è la comprensione dell’origine delle comete, che fanno parte dei corpi più antichi del Sistema Solare. L’esplorazione della cometa consiste nella caratterizzazione del nucleo e della chioma, la determinazione delle loro proprietà dinamiche, lo studio della morfologia e della composizione per ottenere informazioni preziose sulle origini del Sistema Solare.

Rosetta è composta da una navicella che seguirà la cometa nel suo viaggio attorno al Sole e da un lander, chiamato Philae, che studierà il nucleo cometario dalla superficie. Il prossimo 12 novembre la sonda Rosetta rilascerà il lander Philae, che una volta atterrato, eseguirà delle analisi chimico-fisiche del nucleo e ne studierà la struttura interna. La navicella rimarrà attorno alla cometa per seguire l’evoluzione della sua attività durante l’avvicinamento al Sole fino all’estate 2015 e poi durante l’allontanamento fino a fine 2015.

Per maggiori informazioni:
http://www.asi.it/it/attivita/sistema_solare/rosetta/
http://blogs.esa.int/rosetta/

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »