energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Rossi: 5 milioni di euro per l’isola d’Elba alluvionata Cronaca

Ieri, 15 novembre, il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha effettuato una nuova visita a Marina di Campo nell’Elba, la cittadina isolana gravemente ferita dall’esondazione del fosso degli Alzi del 7 novembre scorso. Rossi ha incontrato, nel palazzo comunale di Marina di Campo, il capo della Protezione Civile regionale, Marina Sargenti, il sindaco di Campo nell’Elba, Vanno Segnini, ed i primi cittadini di Marciana e Marciana Marina, Anna Bulgaresi ed Andrea Ciumei. «Abbiamo stanziato 5 milioni di euro per l’isola d’Elba, oltre ai 500mila euro già messi a disposizione, per finanziare gli interventi urgenti, rimediare ai dissesti idrogeologici, ripristinare la funzionalità idraulica dei corsi d’acqua, sistemare ponti e ripulire gli argini», ha annunciato il Governatore. «Venerdì scorso – ha continuato – con una lettera ho chiesto al Governo la dichiarazione dello stato di emergenza. Mi aspetto che il Governo nazionale contribuisca con un finanziamento almeno uguale al nostro. I primi rilievi ci dicono che tra le urgenze e le attività di ripristino e di messa in sicurezza servirebbero non meno di 15 milioni». La Regione, ha ricordato Rossi, lavorerà assieme agli operatori locali per la realizzazione delle opere necessarie alla risistemazione di Marina di Campo, così che tutto possa essere pronto per l’arrivo della stagione turistica estiva e l’economia dell’isola d’Elba non risulti danneggiata dall’alluvione del 7 novembre. «Tornerò periodicamente all’Elba, come ho promesso di fare anche in Lunigiana – ha continuato il presidente della Regione Toscana – per tenermi informato e controllare di persona l’andamento dei lavori. Posso comprendere l’angoscia che la situazione davvero difficile in cui è piombata l’isola a causa dell’alluvione ha suscitato in tutti gli elbani. Tutto si può dire: che c’è ancora molto da fare, che c’è tanto da ricostruire e anche da vigilare per il futuro. Tuttavia il rispetto, l’ammirazione e la gratitudine che provo per tutti coloro che hanno lavorato e continuano a lavorare all’Elba per aiutarla a risollevarsi impongono di riconoscere la verità: né l’Elba né la Lunigiana (ce lo hanno raccontato gli abitanti della frazione isolata di Parana) sono state lasciate sole. Siamo stati al loro fianco fin da subito. Con limiti e carenze umani, ma lo siamo stati e lo siamo.  Ha ragione il sindaco Segnini: gli elbani devono guardare avanti, mettendo da parte egoismi, rabbia, rancori, non mollare, avere fiducia. Noi siamo con loro». Il finanziamento di 5 milioni di euro è volto non solo a ristabilire le condizioni della cittadina elbana prima dell’alluvione, ma anche a ridurre il rischio idrogeologico nella zona. Nella riunione di ieri, infatti, è stato fatto non solo il punto degli interventi di urgenza da compiere (eliminazione del fango da strade, case e scantinati, riapertura delle strade interrotte, ripulitura dei torrenti), ma anche di quelli che serviranno per mettere in sicurezza la zona colpita dall’alluvione. Rossi ha concluso la sua visita andando a trovare i volontari ed i cittadini nel campo allestito in via Fucini, dietro al Municipio di Marina di Campo. È previsto, infine, per oggi, 16 novembre, l’arrivo degli addetti di Fidi Toscana sul’isola. Questi ultimi incontreranno banche ed associazioni di categoria, alle quali presenteranno gli interventi pensati dalla Regione per agevolare la ripresa produttiva della cittadina elbana e con cui le imprese potranno aver accesso alla liquidità (restituzione del prestito a partire dal secondo anno ed interessi a carico della Regione per il primo anno).

Print Friendly, PDF & Email

Translate »