energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Rossi “Squadra fortissima, grande accoglienza” Sport

"A Firenze giochiamo il calcio migliore d'Italia, sono molto orgoglioso di poter far parte di questa società". Mancano ancora un paio di mesi al suo rientro in campo, ma Giuseppe Rossi già esalta le speranze dei tifosi viola.

Presentazione in grande stile per il neo acquisto della Fiorentina, accompagnato davanti ai giornalisti dal Daniele Pradè e Eduardo Macia. Fin dalle sue prime parole Pepito ha voluto ribadire in più occasioni quanto è convinto della scelta compiuta:

"Sono molto contento di essere qui. Ho scelto la Fiorentina perchè è una grande squadra che si è fatta avanti con i fatti, il resto erano solo chiacchiere. Vederla giocare così bene ha sicuramente influenzato la mia decisione. Abbiamo un gruppo fortissimo, che esprime il miglior calcio d'Italia. Abbiamo sicuramente la possibilità di lottare per la Champions, ma dobbiamo rimanere con i piedi per terra, il campionato è molto lungo".

Tante le domande incentrare sulla sua condizione fisica, aspetto che lascia ancora un po' tutti perplessi.
"Il mio recupero procede bene, ma non voglio avere fretta. Non penso a una data sul mio ritorno in campo, ma solo al lavoro che devo svolgere ogni giorno in terapia. Devo essere al 110% per ritornare a giocare e poter dare il massimo. Attualmente sto svolgendo la riabilitazione a New York, per recuperare con tranquilità e serenità. Sono molto fiducioso, ci vuole ancora un po' di tempo, ma il mio unico pensiero è quello di tornare in campo per ripagare la fiducia della società".

L'accoglienza allo stadio?
"E' stata davvero bellissima, sono rimasto molto impressionato. E' stato un momento speciale che mi ricorderò per tutta la vita".

In coppia con Jovetic?
"Tutti sanno che è un grandissimo giocatore. Non vedo l'ora di poter giocare insieme a lui, come anche a Luca (Toni), e a tutti gli altri attaccanti"..

Il 49 come numero di maglia?
"Purtroppo il 22 non era disponibile. Ho preso il 49 perchè è l'anno di nascita di mio padre".

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »