energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Rossi, la nota lieta del vittorioso esordio in campionato della Fiorentina Sport

Cuadrado ha preso il voto più alto nelle pagelle di tutti i giornali, ma la vera nota lieta dell’esordio in campionato (oltre alla vittoria che permette alla Fiorentina di pareggiare il conto con tutte le altre squadre che lotteranno per l’Europa) è stato Pepito Rossi. Crediamo che neppure i tifosi più ottimisti avrebbero sperato di vedere un Rossi vicino alla migliore condizione fisica già alla prima partita di campionato. Contro il Catania Pepito non solo ha segnato il  gol importantissimo che ha permesso alla Fiorentina di passare in vantaggio, ma ha continuamente cercato l’intesa con i compagni, ha corso tantissimo, ha accettato anche i contrasti più decisi senza il minimo timori. Avevamo già visto un buon Rossi già nella trasferta di Zurigo, ma quello visto ieri sera ha fatto registrare altri vistosi progressi. Obbligatorio l'elogio (tanto per cambiare…) di Pradè e Macia che non hanno avuto l’esitazione di portarlo a Firenze quando l’ex attaccante del Villarreal era ancora convalescente per un infortunio gravissimo. Rossi li sta ripagando nel migliore dei modi e, se tutto continua così, risulterà alla fine il miglior acquisto dell’intero calciomercato italiano. Ora contende allo scatenatissimo Cuadrado il ruolo di miglior viola del momento.
Anche se Rossi ha portato in vantaggio la Fiorentina dopo soli 14’,la partita col Catania è stata tutt’altro che facile. Un clamoroso errore di Pizarro ha permesso ai siciliani di pareggiare quasi immediatamente, ma Pizarro si è riscattato realizzando con altrettanta rapidità quello che sarebbe stato il gol decisivo. Le partite d’esordio riservano insidie per tutte le squadre. Non è lontanissimo il ricordo delle scherzo giocato dal Chievo, appena promosso in serie A, vittorioso a sorpresa al Franchi nella prima partita di campionato. All’esordio conta soprattutto vincere e i viola ci sono riusciti, anche se non sono mancate le sofferenze .E’ chiaro che la squadra di Montella non è ancora quella che nel campionato scorso è stata giudicata la più spettacolare persino dai tecnici avversari, a cominciare da Antonio Conte. Se Cuadrado e Rossi sono giocatori decisivi, Montella deve aspettare pazientemente che diversi altri si portino all’altezza della situazione. Il discorso riguarda soprattutto Mario Gomez che non riesce ancora a centrare la porta avversaria e sbaglia addirittura occasioni che nel Bayern non gli abbiamo visto fallire. E’ soprattutto una questione fisica e sotto questo profilo anche la modesta prova col Catania avrà giovato enormemente, permettendogli di mettere nelle gambe altri 90’ preziosi per il movimento e la ricerca dell’intesa. I tifosi sperano di annotare altri progressi consistenti nel retourn  match col Grasshoppers in programma giovedì sera. E’ un discorso che vale anche per altri giocatori, a cominciare da Pizarro e Borja Valero,due tra i principali artefici della grande stagione passata. Contro gli svizzeri è probabile un turn over in difesa e a centrocampo. Gomez e Rossi ,però, ci saranno sicuramente per portare a casa la definitiva qualificazione dopo il successo di Zurigo. Montella manderà in campo, in ogni caso, una formazione altamente competitiva per evitare qualsiasi sorpresa.   
Raffaello Paloscia

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »