energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Rubano monopattino e decespugliatore: arrestato e denunciato Cronaca

Pelago – Appena il tempo di consegnarlo e il decespugliatore, nuovo di zecca, ha preso il volo. Ma grazie alla denuncia tempestiva del proprietario i Carabinieri di Pelago sono facilmente risaliti all’autore del furto. E così un 40enne del posto è stato denunciato a piede libero e l’attrezzo adesso potrà essere riconsegnato. Tutto ha avuto inizio quando l’uomo, che stava passando per la zona industriale della cittadina, si è accorto della presenza di un grosso pacco e di alcuni imballaggi appena scaricati da un Corriere espresso davanti all’ingresso di una officina in quel momento chiusa. Convinto di non essere visto, il 40enne si è impossessato di un decespugliatore del valore di circa 600 euro caricandolo a bordo della propria autovettura ma non è riuscito a impossessarsi degli altri scatoloni, che tra l’altro contenevano la batteria per far funzionare l’attrezzo, per l’arrivo improvviso del titolare dell’impianto. Quest’ultimo si è subito accorto che mancava qualcosa e al momento della denuncia ai Carabinieri si è anche ricordato di aver visto un uomo in atteggiamento sospetto. I militari hanno quindi acquisito le immagini delle telecamere di sorveglianza di una azienda adiacente all’officina, che avevano immortalato l’intera scena, e così sono riusciti identificare il 40enne autore del furto. Subito dopo sono andati nell’abitazione dell’uomo recuperando il decespugliatore ancora imballato che potrà essere restituito al legittimo proprietario.

Da Pelago a Strada in Chianti, dove i militari della locale stazione hanno arrestato un 33enne per non aver osservato ripetutamente le disposizioni impartite dall’autorità giudiziaria a cui era sottoposto da qualche tempo per alcuni furti. Ad aggravare la sua posizione è saltato anche fuori che a seguito delle indagini condotte dai Carabinieri di Grassina si era reso autore del furto di un monopattino elettrico il 16 giugno 2021 a Bagno a Ripoli. Dopo  gli accertamenti di rito i militari della stazione di Strada in Chianti lo hanno trasferito al carcere di Sollicciano, naturalmente non a bordo di un monopattino. Infine Bagno a Ripoli dove i Carabinieri di Firenze-Ricorboli sono intervenuti per sedare una furibonda lite condominiale scoppiata non si sa bene per quali motivi. Uno dei contendenti, un 49enne pluripregiudicato, non ha trovato di meglio che scagliarsi contro i militari apostrofandoli con parole offensive, e rifiutandosi di dare le proprie generalità. L’uomo è finito in camera di sicurezza per resistenza a pubblico ufficiale.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »