energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sabato 1° febbraio la presentazione di “La tela di Sonia” a Subbiano per il progetto “Il filo della memoria” Arezzo, My Stamp

SUBBIANO – Sabato 1° febbraio 2020, alle ore 10,30, la Sala consiliare di Subbiano, in via Verdi 9, ospita la presentazione del volume “La tela di Sonia. Affetti, famiglie, arte nelle memorie di una maestra ebrea” (Edizioni La Giuntina) di Sonia Oberdorfer a cura di Marta Baiardi, Alessia Cecconi e Silvia Sorri.

L’iniziativa fa parte di “Il filo della memoria”, un progetto pensato dal Comune di Subbiano per celebrare la “Giornata della Memoria 2020”, organizzato in collaborazione con l’istituto comprensivo “Giuseppe Garibaldi” di Subbiano e Capolona, l’associazione culturale 102 Subbiano TV e la fondazione CDSE – centro di documentazione storico etnografica.

L’evento è a ingresso libero. Presenterà il volume il giornalista culturale Marco Botti.

IL LIBRO

La memoria di Sonia Oberdorfer (1918/2019), insegnante vissuta principalmente tra Firenze e Genova, si inserisce nel copioso filone autobiografico della generazione di ebrei che vissero guerra e persecuzioni ma riuscirono, per loro fortuna, a sfuggire alla deportazione.

Il libro si dipana lungo una trama di flashback che privilegiano la narrazione dell’adolescenza e della giovinezza, illuminate dalla presenza della zia Matilde Forti, figlia di un colto industriale pratese, e dell’adorato zio Giorgio Castelfranco (nella foto), storico dell’arte, mecenate di De Chirico e Savinio, direttore della Galleria di Palazzo Pitti ma rimosso dall’incarico perché ebreo.

Su questo mondo, frequentato e amato da Sonia, come un fulmine a ciel sereno piombano nel 1938 le famigerate Leggi razziali, con la conseguenza che la vita di ciascuno è stravolta per sempre.

I ricordi di Sonia riportano alla luce anche i grandi personaggi della cultura fiorentina del periodo, in primis Rodolfo Siviero, lo “007 dell’arte”, che nel dopoguerra riuscì a riportare in Italia tanti capolavori trafugati dai nazisti.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »