energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

“Sacro ieri e oggi”: nel concerto finale di Suoni riflessi omaggio a Monteverdi e una prima esecuzione di Anichini del Coro della Normale Firenze, My Stamp

Il 19 novembre alla Sala Vanni di Firenze la 15^ edizione del festival si chiuderà con un concerto del Coro Galilei della Normale di Pisa diretto da Gabriele Micheli e dell’ensemble Nuovo Contrappunto. Musiche sacre di Monteverdi, Bach e Antonio Anichini, che presenta una cantata commissionatagli dal direttore di ‘Suoni riflessi’ Mario Ancillotti. Introduce Gregorio Moppi. Sabato alle 18 incontro gratuito di ‘Svelare la musica’.

——————————————

Un concerto dedicato alla spiritualità in musica nel passato e nel presente, con un omaggio a Monteverdi nel 450° anniversario della nascita e una prima esecuzione assoluta di una nuova cantata di Antonio Anichini:«un percorso di serena rivelazione trascendente», come ha scritto il direttore di ‘Suoni riflessi’ Mario Ancillotti, attraverso brani tratti da tre raccolte di musica sacra di Monteverdi e una cantata di Bach che incorniceranno una composizione di Antonio Anichini commissionata da Ancillotti proprio per il suo festival.

E’ l’appuntamento finale della 15^ edizione del festival musicale fiorentino ‘Suoni riflessi’, che avrà come protagonisti domenica 19 novembre alle 11 di mattina a Firenze, presso la Sala Vanni di piazza del Carmine al n. 19, il Coro Vincenzo Galilei della Scuola Normale di Pisa diretto da Gabriele Micheli, l’ensemble Nuovo Contrappunto e in qualità solisti il soprano Katharina Montevecchi, il mezzosoprano Mya Fracassini, il tenore Marco Mustaro, il basso Gabriele Lombardi e Pietro Consoloni al clavicembalo. Concerto che sarà preceduto da un’introduzione di Gregorio Moppi.

L’esecuzione inizierà con quattro brani tratti dalle tre seguenti raccolte di musica sacra di Claudio Monteverdi (Cremona 1567 – Venezia 1643): ‘Primo libro de’ Motetti in lode d’Iddio’, ‘Selva morale e spirituale’, ‘Messa a quattro voci et salmi’. Seguirà l’anteprima della ‘Cantata II per soli, coro e ensemble strumentale’ del pianista e compositore fiorentino Antonio Anichini, composizione che, come chiarisce l’autore, «narra della storia di ogni anima incarnata, del suo percorso alla scoperta di se stessa e della ricerca del proprio profondo proposito esistenziale» ed è «più spirituale che ecclesiale, non potendo identificarsi con nessuna specifica confessione religiosa». Infine, sarà interpretata la ‘Cantata BWV 36 Schwingt freudig euch empor (ältere Fassung)’ di Johann Sebastian Bach (Eisenach 1685 – Lipsia 1750), nata come cantata profana e poi modificata in cantata sacra in due versioni diverse, la prima delle quali sarà eseguita in questa occasione.

Sabato 18 novembre alle 18, sempre in Sala Vanni, si terrà il consueto incontro a ingresso libero di ‘Svelare la musica’ a tu per tu coi protagonisti del concerto del giorno dopo, in questo caso con l’ensemble Nuovo Contrappunto, alla scoperta di alcune curiosità e retroscena sulle musiche in programma e i loro autori.

Biglietto intero 12 euro, ridotto 8 euro. Chi ha la card di Rete Toscana Classica ha diritto alla riduzione.

Per ulteriori informazioni: www.suoniriflessi.it oppure la pagina Facebook Suoni Riflessi.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »