energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Salvezza Ataf, Cisl chiede un Piano Industriale e la partecipazione alla Gara Regionale Notizie dalla toscana

Come risanare l’Ataf? Qualche giorno fa il sindaco di Firenze Matteo Renzi aveva fatto recapitare una lettera ai lavoratori dell’azienda proponendo, in alternativa alla privatizzazione, alcune misure volte a riorganizzare l’Ataf. Ma i lavoratori non ci stanno: “Piacerebbe anche a noi che bastasse lavorare 15 minuti in piu' per risanare Ataf, ma non e' cosi', occorre un piano industriale serio e una strategia coerente in vista della gara regionale per il Tpl. Il sindaco Renzi e il presidente Bonaccorsi la smettano con battute e provocazioni e mettano sul tavolo un piano vero. Altrimenti Ataf non avra' futuro, sacrifici o non sacrifici'', scrivono in un documento il segretario della Fit-Cisl toscana Stefano Boni e il segretario della Fit-Cisl fiorentina Fabiano Casini. ''Per salvare Ataf – affermano Boni e Casini – siamo pronti a discutere di tutto, anche di sacrifici, ma non possiamo fermarci a questo. E' indispensabile un piano complessivo che dia certezze sul futuro dell'azienda e bisogna sciogliere il nodo della partecipazione alla gara regionale per il Tpl, perche' nel drammatico scenario attuale di tagli e' impensabile che le aziende di trasporto storiche continuino a giocare da sole. Per questo respingiamo l'idea di rimanere isolati e di non partecipare alla gara regionale ed essere cosi' penalizzati del 20% del valore della stessa. Questo e' quanto chiediamo da mesi all'azienda e alla proprieta'. Che finora non hanno risposto con proposte al tavolo, ma con provocazioni sulla stampa''. E a difesa dei lavoratori dell’Ataf, la Cisl sostiene che “non sono pazzi e incoscienti come qualcuno continua a dipingere dicendo che scioperano per il sesso degli angeli. La salvezza di Ataf sta loro a cuore più che al sindaco e al presidente, perché lì lavorano e non vogliono perdere il lavoro. E sanno bene che oggi le aziende per sopravvivere devono avere i conti in ordine. Proprio per questo chiediamo alla proprietà di giocare allo scoperto, di aprire un tavolo dove si discuta di tutto e dove si trovino le soluzioni per rimodulare il prezzo al chilometro, ma nello stesso tempo si dia il via libera a mantenere l'Ataf pubblica consentendole di essere protagonista della Gara Regionale. D'altra parte chiediamo alla Regione Toscana di perseguire una politica che non penalizzi l'area fiorentina ma anzi valorizzi le professionalità e faccia di tutto perché l'Ataf partecipi alla gara regionale per il Tpl”.
 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »