energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Salvini incontra Nardella: “Troppi cantieri fermi, siamo qua per accelerare” Notizie dalla toscana

Firenze – In Toscana ci sono troppi cantieri fermi, e il ministro alle infrastrutture Matteo Salvini, a colloquio col sindaco di Firenze Dario Nardella, è chiaro: i cantieri toscani fermi sono una delle sue priorità. E per mandare avanti i lavori, Salvini dice : “Stiamo cercando fondi e stiamo lavorando come matti” dal momento che “mancano dei soldi, nel senso che abbiamo ereditato dei progetti che ci sono sulla carta ma che hanno bisogno di alcuni miliardi di euro di finanziamento”.

Fra gli snodi toccati da Salvini, anche la questione della tramvia, su cui invita la giunta “ad ascoltare di più la città”, l’aeroporto, con un equo sostegno agli aeroporti di Firenze e Pisa “tifo per entrambi”. Una riflessione anche sul tema della moschea sotto sfratto, circa la quale sostiene il principio “rispetto della legalità”. Intanto, si terrà il presidio “per la legalità” che la Lega fiorentina ha preannunciato per venerdì 16, giorno di esecuzione con forza pubblica dello sfratto. Il ministro dice: “Nostro obiettivo non è creare problemi ma risolverli, senza nessun tipo di conflitto. Però questi signori da mesi e mesi sapevano che devono trovarsi un’altra legittima collocazione. Se non lo fanno vuol dire evidentemente che prendono in giro qualcuno”. Dunque, conclude Salvini “mi auguro che la legge venga fatta rispettare, garantendo un Natale sereno a tutti, a prescindere dal Dio in cui si crede. Se ci fosse una parrocchia abusiva, avremmo lo stesso atteggiamento”.

Il sindaco Nardella, dopo l’incontro con il ministro, sintetizza l’incontro: “Abbiamo parlato delle più importanti opere infrastrutturali della città, anzitutto le linee tranviarie, per le quali ho confermato l’avvio dei lavori nel 2023 delle linee per Bagno a Ripoli e per Campi Bisenzio, abbiamo confermato la fine dei lavori della variante Centro storico San Marco entro la primavera del 2024 e sono confermati i finanziamenti per un totale di 280 milioni di euro del PNRR”.

Inoltre, continua il sindaco, “ho informato il ministro che siamo nei tempi per quanto riguarda le tramvie e per tutte le opere finanziate col PNRR.
Abbiamo anche parlato dell’aeroporto: c’è il sostegno del Ministro e del governo sulla realizzazione della nuova pista di Firenze, ovviamente in sintonia con i progetti che riguardano Pisa; nessun conflitto tra i due scali ma piena complementarietà sulla base del progetto di sviluppo di entrambi gli aeroporti.
C’è convergenza anche sul tema dell’alta velocità: io ho ribadito al ministro la necessità di anticipare il più possibile i lavori tenendo fede al progetto originale che prevedeva la fine dei lavori nel 2027 e non nel 2028. In ogni caso ho registrato un giudizio positivo del ministro Salvini su tutte e tre le opere: tramvia, aeroporto e alta velocità”.

il sindaco Dario Narella (Foto d’archivio)

Per quanto riguarda lo stadio, “non abbiamo parlato dello stadio – dice Nardella – anche perché lo stesso Salvini ha ricordato che non è di sua competenza e comunque non ci sono novità e non mi ha espresso alcun tipo di perplessità”.

Sulla questione della sicurezza sul monopattino, posizioni condivise, “in particolare sull’obbligatorietà del casco e sulla targa: è una battaglia che Firenze fa da sempre e il ministro mi ha confermato la volontà di arrivare ad una norma nel codice della strada. Sul tema multe ho proposto al ministro di valutare la possibilità di commutare alcune sanzioni in attività utili alla collettività o in corsi di formazione in materia di sicurezza stradale, utilizzando una disciplina normativa in parte già esistente, sul modello del baratto amministrativo disciplinato nel codice dei contratti pubblici che consente ai cittadini in debito con l’amministrazione di svolgere attività utili alla collettività”.
Ancora buone notizie, “Il ministro ha poi fatto presente la volontà di coprire finanziariamente una parte rilevante della graduatoria Pinqua, i progetti dell’abitare solidale: una buona notizia per i progetti di Santa Maria Novella e Lupi di Toscana”.
Conclude il sindaco di Firenze: “La tramvia è e resta una priorità per la città di Firenze. Per me è un’infrastruttura irrinunciabile. Ho dettagliato al ministro Salvini i tempi e gli investimenti relativi a tutte le linee tramviarie e non ho ricevuto alcun tipo di obiezione durante il nostro incontro. Ho fatto presente al ministro che siamo nei tempi con il PNRR. Sullo scudo verde abbiamo idee in parte diverse. Noi siamo per la riduzione del traffico e dei veicoli inquinanti, visto che l’area metropolitana di Firenze è tra i principali responsabili dello sforamento dei limiti di emissione di biossido di azoto. Spero che anche per il ministro Salvini il tema dell’ambiente e dell’inquinamento da smog sia centrale nelle politiche per i trasporti”.
foto copertina: Matteo Salvini, foto d’archivio

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »