energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

A San Casciano il 29 marzo il Carnevale veste medievale Notizie dalla toscana

San Casciano Val di Pesa (Firenze) – Un Carnevale diverso dal solito, bello da vivere e da vedere, ancora più ricco di eventi e coinvolgente in cui ognuno, spogliato della propria individualità, è chiamato a confondersi e fondersi nel vortice gioioso della festa. Caratterizzato da circa 1000 figuranti, centinaia di artisti di strada, decine di associazioni tra le più affermate nel settore delle rievocazioni popolari, il Carnevale medievale sancascianese trae ispirazione dal Medioevo e dalla storia per divertire, intrattenere e soprattutto ribaltare ogni ordine e cosa, come nella più antica tradizione romana.

Il mondo alla rovescia di San Casciano è pronto a rivelarsi, ancora una volta, tra le strade e le vie del Castello trecentesco di San Casciano. Le contrade sono le stesse, Cavallo, Gallo, Giglio, Leone, Torre, la voglia di lavorare insieme e al meglio per offrire ai visitatori uno spettacolo d’eccezione pure. Ma la festa che ama rinnovarsi e crescere ogni anno, che nel dna conserva intatto il gene del non essere mai uguale a se stessa, anche per l’edizione 2015 promette di cambiare i connotati. La sesta edizione del Carnevale medievale di San Casciano scavalca febbraio per proporsi in una data insolita, lontana dal tradizionale periodo del carnem levare. E’ una giornata dai colori primaverili quella messa in programma dagli organizzatori, Comune e Laboratorio Amaltea con il consolidato partner ChiantiBanca: domenica 29 marzo dalle 14,30 fino alle 24.

“Per la qualità degli eventi – spiega l’assessore alle Feste popolari Roberto Ciappi – l’abilità e l’instancabile impegno dei contradaioli che ogni anno danno vita ad una manifestazione di alto valore sociale e culturale il Carnevale medievale di San Casciano – merita di essere vissuto a pieno sia come rievocazione storica sia come festa cittadina destinata a coinvolgere visitatori di tutte le età, crediamo che una diversa collocazione temporale possa aiutare la kermesse ad esprimersi al meglio e ad essere condivisa da un pubblico sempre più ampio”.

Il Carnevale medievale sancascianese 2015 ha in serbo importanti elementi di novità. L’impegno delle contrade, al lavoro da mesi nella scelta dei temi, nella scrittura dei testi e nella realizzazione artigianale di costumi, carri, oggetti, scenografie e coreografie, verrà premiato con un tragitto più lungo tra le vie di San Casciano. Partendo dalle proprie vie Cavallo, Gallo, Giglio, Leone, Torre, attraverseranno il centro avendo un percorso più esteso e maggiori possibilità di essere apprezzati sia dal pubblico che dalla giuria posizionata in piazza della Repubblica, davanti alle mura. Il programma delle sfide di abilità comprende giochi e attività ancora più spettacolari e destinati a coinvolgere le campionesse. Sarà ampliato anche il tempo a disposizione di ogni contrada durante la sfilata. Inoltre verrà costituita per la prima volta un’associazione che mette insieme le cinque contrade. La rievocazione inziale, finalizzata alla ricostruzione delle vicende legate all’assedio di Castruccio Castracani, sarà messa in scena con maggiore patos e accuratezza dei dettagli. “Oltre all’alta qualità delle esibizioni delle contrade – continua il coordinatore artistico Matteo Spagni – la portata spettacolare dell’evento sarà amplificata dal tuffo nel passato che il pubblico potrà rivivere attraverso gli eventi, i personaggi mitologici e le atmosfere medievali che inonderanno il cuore di San Casciano, come il mercato per le vie centrali, gli spettacoli di strada all’arena, l’accampamento in piazza della Repubblica e la cena al Poggione”. Informazioni: www.sancascianovp.net.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »