energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

San Frediano, Giorgetti: “Non emergono ad ora problemi strutturali alla strada” Breaking news, Cronaca

Firenze – San Frediano continua ad avere paura. Nonostante le rassicurazioni, le assemblee, i tecnici e l’amministrazione, quella voragine che il 22 dicembre si aprì nel Borgo, con tutto il seguito di scosse, portoni bloccati, acqua nei fondi, tremolii nei palazzi, fanno sì che i cittadini non si sentano sicuri.  La strada fa paura. E rassicurazioni sono tornate ad echeggiare oggi, in consiglio comunale.

“Al momento attuale non ci sono elementi per poter affermare che la strada abbia problemi strutturali. Ma per essere ancor più certi faremo eseguire ulteriori accertamenti ma ad oggi possiamo ipotizzare la riapertura della strada circa dieci giorni”, dichiara l’assessore alla Mobilità Stefano Giorgetti in merito alla chiusura di Borgo San Frediano a seguito dell’ennesima riunione svoltasi stamani sul tema con i tecnici di Comune, Publiacqua e Avr.

“Come ho più volte spiegato alla luce degli accertamenti e delle relazioni la problematica registrata alla volta della fognatura, già risolta, e le criticità evidenziate agli edifici a seguito dell’intervento dei Vigili del Fuoco non sono legate”, sottolinea l’assessore, che continua: “La relazione di Publiacqua a seguito della video ispezione eseguita sulla rete fognaria nel tratto tra via del Drago d’Oro e piazza del Carmine non ha evidenziato nessun problema strutturale alla condotta. La riparazione ha riguardato un tratto della volta ma non sono emerse ulteriori problematiche”.

Nei prossimi giorni sarà completata la video ispezione anche nel tratto da piazza del Nerli a via del Drago d’Oro non direttamente interessato dalla riparazione di fine anno. E per avere il quadro completo della situazione all’inizio della prossima settimana sarà eseguita anche una verifica con il georadar in modo da escludere definitivamente la presenza di problematiche sotto la pavimentazione stradale, al momento non riscontrate.

“Al termine di questi ulteriori accertamenti, che dovrebbero concludersi circa dieci giorni, la strada potrà essere riaperta alla circolazione dei veicoli leggeri – spiega l’assessore Giorgetti –in attesa delle perizie relativi agli edifici privati. L’ipotesi al momento è di ripristinare in futuro il passaggio dei bussini e del 6 come avveniva prima delle deviazioni legate alle limitazioni in vigore su Ponte Vespucci”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »