energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

San Giovanni a Firenze: consegnati in Palazzo Vecchio i Fiorini d’Oro Cronaca

Almeno con il Maestro e Senatore Franco Zeffirelli il Sindaco non è riuscito a vincere, ed ha dovuto inghiottire il rospo amaro. Infatti Zeffirelli questa mattina non si è visto in Palazzo Vecchio – come annunciato dallo stesso –  a ritirare il Fiorino d’Oro, il massimo riconoscimento del Comune di Firenze. “Zeffirelli – recita il comunicato stampa di Palazzo Vecchio –  ha fatto sapere che ritirerà il riconoscimento in un altro momento”. Certo –  ha detto poi Renzi – come diciamo a Firenze, Zeffirelli ci ha fatto un po' ingrullire. Ma noi gli vogliamo bene''. D’altra parte, come aveva sottolineato lo stesso Senatore, “non avverto pentimenti, né voglia di riappacificazione. Mi pare di non essere gradito. Penso che si siano decisi a darmi un riconoscimento perché non possono farne a meno”. In Palazzo Vecchio – non gremito, ma comunque con più persone di quelle che si potevano aspettare alle 12,30 di un giorno afosissimo di giugno – c’erano gli altri 4 premiati: Mauro Barsi, Ivano Bertini, Simonetta Brandolini d’Adda e Bona Frescobaldi.

“Cerimonie come questa – ha sottolineato Renzi – aiutano ad essere orgogliosi della propria città e a considerarsi parte di una comunità, a sentirsi cittadini e non soltanto numeri. I premiati sono persone che si dedicano ad attività diverse ma con una caratteristica comune, la passione nei rispettivi campi, il cuore che mettono in quello che fanno, oltre naturalmente all’affetto profondo per la città”.

Ricordiamo che Barsi è il fondatore di Agata Smeralda, l’associazione che in 25 anni di attività ha fatto adottare a distanza oltre 25.600 bambini, Bertini è professore universitario e grande sostenitore della ricerca con il Cerm, Simonetta Brandolini d’Adda è stata premiata per il suo lavoro con l’associazione Friends of Florence per la cultura, la Marchesa Bona Frescobaldi da 10 anni è impegnata con Corri la vita, la manifestazione podistica nata per promuovere la lotta contro il cancro.

Il Sindaco, dopo il tradizionale suono delle chiarine della Famiglia di Palazzo, aveva esordito ricordando i numerosi appuntamenti della giornata, dal ricevimento in Palazzo Vecchio della Società San Giovanni Battista, alla messa in Duomo con le musiche di Mozart eseguite dal Maggio fiorentino, i tradizionali fochi che allieteranno la serata, la finale del Calcio storico. la riapertura alla Torre di Arnolfo, segnali di “una città viva e ricca di entusiasmo”, come i 5, pardon, i 4 Fiorini d’Oro 2012.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »