energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

A San Rossore la carica di 30mila scout Società

Firenze – Tutto pronto alla tenuta di San Rossore vicino a Pisa per accogliere almeno 30 mila scout che dal 6 agosto cominceranno il loro terzo incontro nazionale in rappresentanza dei 177mila aderenti al movimento scoutistico cattolico. Si stratta di ragazzi (dai 16 ai 21 anni) dell’Agesci impegnati in quella che chiamano la Route 2014, terzo appuntamento dopo quello del 1975 e del 1986. In Toscana gli scout sono circa 10 mila  e fra di essi il presidente del Consiglio Matteo Renzi che con ogni probabilita andra a salutarli nel corso del raduno che durera fino a domenica 10 agosto con una messa che sarà celebrata dal presidente della Cei Angelo Bagnasco. Parteciperanno il presidente della Camera Laura Boldrini e del Senato Pietro Grasso e alle numerose tavole rotonde saranno presenti, tra gli altri, don Luigi Ciotti, il presidente dell’Istat Enrico Giovannini, il direttore di Avvenire Gian Antonio Stella, Piero Badaloni e l’ex ministro Maria Chiara Carrozza, anche lei con un passato da scout.

Tema della Route è il coraggio: “Per noi il coraggio è l’impegno per cambiare il mondo e il nostro Paese”, ha spiegato alla stampa  Matteo Spanò, 39 anni, attuale presidente del comitato nazionale dell’Agesci, nonché della Banca del Credito Cooperativo di Pontassieve, il paese di Renzi.

Non potendo essere presente, il papa Francesco ha inviato ieri saluto ai giovani scout.  “Saluto gli scout, con una benedizione per le migliaia di scout italiani in cammino verso il grande raduno nazionale a San Rossore”, ha detto il Papa dopo l’Angelus. “Ricordatevi compassione, condivisione, eucaristia”, ha detto agli scout, ripetendo quanto aveva detto all’Angelus.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »