energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sanguinosa rapina, i banditi sparano ad automobilista Cronaca

òGigantesca caccia all’uomo nel pisano dopo una sanguinosa rapina avvenuta questa mattina a Pontedera in un supermercato. I banditi in fuga dopo il colpo hanno sparato in faccia ad un automobilista che si è trovato inconsapevolmente ad intralciare la strada al commando di malviventi. L’uomo, 49 anni,  è ricoverato ora in gravi condizioni.  E’ accaduto tutto intorno alle 9. Due hanno bloccato i vigilantes mentre gli altri due vuotavano le casse. Quindi sono fuggiti, ma nella fuga si sono trovati davanti un’auto e hanno sparato al conducente ferendolo gravemente. Ancora da stabilire se l’uomo sia stato colpito da un proiettile di rimbalzo o se i banditi hanno sparato intenzionalmente per colpire. Sembra anche, secondo una prima ricostruzione, che i banditi, fuggiti a bordo di una Fiat Doblò,  volessero rubargli l’auto e che questi si sia rifiutato scatenando la violenza dei rapinatori. 

L’automobilista ferito è stato subito soccorso e trasportato in ospedale a Pisa con l’elisoccorso. Vane per ora le ricerche di polizia e carabinieri. I banditi sono riusciti a fuggire mentre il furgone è stato ritrovato bruciato a pochi chilometri di distanza dal luogo della rapina. Nella zona sono stati istituiti numerosi posti di blocco. Da capire se i banditi siano poi fuggiti a piedi o abbiano proseguito la fuga su un’altra auto. La caccia all’uomo dunque è appena cominciata.

Proiettile rimasto nella mascella del ferito che è In attesa di essere operato . L'uomo è in gravi condizioni ed è in attesa, nella choc room del pronto soccorso, di essere sottoposto ad un delicato intervento chirurgico in quanto il proiettile è penetrato dalla mascella,dov'è visibile il foro d'entrata, ed è rimasto ritenuto, cioè non è uscito, ma non ha lesionato il cervello e non ha provocato danni cerebrali. Una nota dell'Azienda ospedaliero-universitaria pisana ha precisato che attualmente il paziente si trova in coma farmacologico, si leggenella nota, e si stanno completando le indagini strumentali che permetteranno di decidere i tempi e i modi delle strategie chirurgicheda adottare. 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »