energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sanità, Pdl: Consiglio straordinario. Lega: “dimissioni Rossi” Politica

Il Pdl regionale a seguito delle improvvise dimissioni dell'assessore regionale alla Sanità, Daniela Scaramuccia, ufficializzate stamattina, giunte nel bel mezzo della discussione sul Piano Sanitario Regionale, e della pronta nomina del suo sostituto, nella persona del direttore generale Asl di Firenze Marroni, in coincidenza ai nuovi arresti nell'ambito dell'inchiesta sull'Asl di Massa Carrara, avvenuti anche questi stamattina, chiede una seduta straordinaria del Consiglio regionale.
La coincidenza temporale dei due fatti, certamente imbarazzante anche per la Giunta regionale, nasconde, per il presidente del gruppo regionale PdL Alberto Magnolfi, “dimissioni ad orologeria” e uno stato di salute del sistema sanitario toscano, non così  eccellente come Rossi l'ha definito in questi anni. E soprattutto si è determinata una situazione così imbarazzante da imporre al presidente della Regione di “presentarsi immediatamente dinanzi al Consiglio regionale senza rifugiarsi in difese d'ufficio o dichiarazioni di comodo'', conclude Magnolfi.
Il Pdl vede nell'immediata nomina del direttore generale Asl di Firenze a nuovo assessore, la volontà del presidente della Regione Toscana, assessore alla sanità nella precedente Giunta regionale di Martini, di voler “blindare la sanità nella difesa aprioristica di tutte le scelte fatte in passato dalla Giunta regionale”. Mentre  secondo Magnolfi la sanità toscana avrebbe bisogno di rinnovamento, di discontinuità “anche per il mutato contesto socio-economico globale”.

Alla conferenza stampa convocata dal gruppo regionale del Pdl ''sullo tsunami che sta interessando la sanità toscana'', ha partecipato anche il gruppo consiliare della Lega Nord. ''La vicenda sanitaria toscana – afferma Gian Luca Lazzeri, membro della Commissione Sanità del Consiglio regionale -, in questo momento vede un grande conflitto sulle Società della Salute, che sono un nodo politico fondamentale nei rapporti tra i sindaci e i direttori generali delle Asl e la scelta di Rossi per l'assessorato ricade su un direttore generale di una Asl, lo stimato dottor Luigi Marroni''. Claudio Morganti, eurodeputato della Lega Nord Toscana, definisce “strana la coincidenza tra le improvvise dimissioni dell'ex assessore regionale alla sanità e le misure cautelari e le denunce effettuate stamani dalla Procura di Massa''. La Lega Nord rimprovera a Rossi di non aver aperto un “confronto con la politica” e chiede le dimissioni di Rossi: “Dopo le dimissioni della Scaramuccia e gli sviluppi sull'Asl 1 di Massa, attendiamo le dimissioni di Rossi – ha concluso Morganti -, il quale per anni è stato assessore regionale alla sanità. Davvero Rossi non sapeva niente e non si è mai accorto di niente?''.

23 maggio Regione, il tecnico della sanità lascia il campo
23 maggio Sanità: Scaramuccia si dimette, arriva Marroni

Foto www.consiglio.regione.toscana.it
 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »