energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sanità: sanzione per chi non ha disdetto la prenotazione Cronaca

Firenze – A 1.365 cittadini arriverà ai primi di gennaio per posta o per raccomandata un “Avviso bonario” con il quale gli si chiede di regolarizzare la propria posizione pagando entro 60 giorni la sanzione amministrativa prevista per chi, avendo prenotato nel 2010 un esame al quale non si è poi presentato, non lo ha disdetto o non lo ha fatto nei tempi dovuti. È la prima mandata di un recupero crediti che, per quella mancata disdetta costata ad altrettanti cittadini l’allungamento di una lista di attesa, riguarda sempre in quell’anno 9.600 assistiti, ai quali l’avviso giungerà a scaglioni mensili di 1.300 per volta, da gennaio a luglio.

L’Azienda sanitaria di Firenze – informa un comunicato –  conta di poter entro l’anno completare l’estrazione e l’invio di tutte le sanzioni relative agli anni 2011-2013, in modo da tener sempre sotto osservazione solo l’anno precedente a quello del mancato pagamento e facilitare così anche per l’utente la ricostruzione della propria posizione. Una linea illustrata dalla direzione amministrativa aziendale al difensore civico e ai membri del Comitato di partecipazione che raccoglie tutte le associazioni del volontariato e di tutela dei consumatori, i quali hanno espresso apprezzamento anche per il fatto che l’operazione di recupero dei crediti, prevista per legge dalla normativa regionale, mira, oltre alla difesa del patrimonio economico pubblico, all’affermazione di un comportamento civile rispettoso delle altrui necessità, cioè appunto la riduzione delle liste d’attesa.

La Asl 10 ha incaricato la società Nivi Credit Srl di via Odorico da Pordenone a Firenze di provvedere alla riscossione degli importi. Il pagamento può essere effettuato con un bonifico bancario, mediante bollettino di conto corrente postale o, infine, on-line, collegandosi al sito www.nivi.it/pos.aspx. In tutti i casi va indicata la causale riportata nell’avviso bonario. Il numero della società presso il quale ottenere ogni tipo di informazione è lo 055-3440387 ed è disponibile tutti i giorni feriali dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18. Alla comunicazione è allegato un modulo che il cittadino, il quale giudica infondata la richiesta, può restituire entro 30 giorni, insieme ai documenti giudicati utili per riesaminare il caso, per posta, fax, e-mail o a mano alla società incaricata del recupero crediti.

Gli importi vengono recuperati perché l’articolo 7 della legge 81 approvata dalla Regione Toscana nel 2012 prevede che «al fine di consentire una più efficiente gestione delle liste di attesa» l’assistito debba «disdire la prenotazione di prestazioni specialistiche e diagnostico-strumentali, almeno 48 ore prima della data fissata». E, qualora non lo faccia, «anche se esente», debba pagare «una sanzione amministrativa, pari alla quota ordinaria di compartecipazione al costo della prestazione».

L’ammontare complessivo delle 1.365 posizioni in procinto di essere recapitate a gennaio è di 31.915 euro, 1.238 dei quali, relativi a 157 posizioni, vengono effettuati per avviso bonario interessando importi tra 5,01 e 10,00 €, e i rimanenti 30.677 euro (1.208 posizioni oltre 10,00 €) per raccomandata A/R in modo da interrompere i termini di prescrizione. Complessivamente le 9.603 posizioni del 2010 ammontano a 239.787 euro. Quelle del 2011 che partiranno poi sono 10.050 per un totale di 257.703 euro.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »