energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Santa Maria Novella con mercatino francese: monta la protesta Cronaca

Firenze – Commercianti, albergatori, cittadini: in tanti sono a protestare contro l’allestimento, iniziato ieri e oggi a buon punto, del mercatino francese in piazza Santa Maria Novella. I motivi dell’alzata di scudi (domani ci sarà anche una riunione, a quanto pare, per studiare come organizzare la protesta) riguardano in primo luogo l’ingombro che le “baracchette” in legno rappresentano sì per i cittadini, “ma soprattutto per i turisti: venire in una delle più belle piazze del mondo e essere impossibilitati a goderne lo spazio architettonico perché ingombrati dal mercatino è una cosa che mi farebbe arrabbiare” , dice un cittadino. Senza contare che, come dicono i commercianti “monetizzare” lo spazio artistico cittadino è una moda che sembra passare sopra a qualsiasi considerazione estetica o di rispetto ai monumenti”.

D’altro canto, è ancora viva nella memoria dei residenti la famosa querelle che tenne per due anni delle barriere di cannicciato attorno alle aiuole, “solo perché l’amministrazione non sapeva decidere cosa sarebbe stato più funzionale ed esteticamente corretto montare per ostacolare l’accesso alle aiuole stesse. Due anni, di cannicciato, prima di escogitare quei “tondini” che ora ne hanno preso il posto”. La protesta tutto sommato non riguarda neanche la lentezza dell’amministrazione nel decidere come dovevano essere delimitate e protette le aiuole, bensì il fatto che, almeno apparentemente, si passi a due pesi e due misure qualora si tratti di “soldi”. “Certo, il problema deve essere questo – incalza un altro cittadino – dal momento che ci si fa ogni tipo di problemi se si prova a suggerire qualcosa di innovativo e utile alla collettività, e poi, quando si monetizza, non si guarda in faccia a nessuno”. Insomma il mercatino francese ha fatto esplodere un malumore che probabilmente covava da qualche tempo. E domani si terrà una prima riunione.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »