energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il suono delle campane di Santa Maria Novella Breaking news, Cronaca

Firenze – Anni di silenzio e infine dalla torre campanaria di Santa Maria Novella tornano a farsi sentire i rintocchi delle sue campane: grazie ad un lungo intervento di restauro ancora in corso,  ricomincia a suonare una delle strutture architettoniche più antiche e significative della città.
Sabato 8 Dicembre, giorno dell’Immacolata Concezione, sarà una giornata speciale dedicata a questo particolare avvenimento. Le campane suoneranno a partire dalle 17,30, mentre alle 16,00 si svolgerà un incontro aperto a tutti per parlare del nuovo sistema automatizzato per suonare le campane, dei lavori di restauro in corso sulla torre campanaria e per dare alcune anticipazioni sulla possibile destinazione della struttura.
Alle ore 18, opo la scampanata inaugurale, seguirà la Santa Messa presieduta da S. Em. Rev. card. Giuseppe Betori, Arcive- scovo Metropolita di Firenze.

I lavori di restauro della torre campanaria, stanno giungendo alla fine dopo quasi 3 anni. Si erano resi necessari a fronte delle gravi condizioni di degrado diffuso tra le varie membrature del campanile. L’Opera per Santa Maria Novella, autorizzata dal Fondo Edifici di Culto (FEC) del Ministero dell’Interno, proprietario del bene, sotto la supervisione della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato, ha così intrapreso nel gennaio 2016 i lavori di restauro del Campanile trecentesco.

Il campanile di S. Maria Novella è legato all’iniziativa del domenicano Simone Saltarelli, arcivescovo di Pisa, che intorno al 1330 lasciò disposizioni e risorse economiche per innalzare la torre ed il grande dormitorio occidentale del Convento. In realtà, il Saltarelli finanziò il restauro ed il completamento di un campanile già documentato nel 1305, sicuramente in uso per la precedente chiesa (consacrata nel 1094), utilizzato ancor prima quale “torre di avvistamento per incendi”.

La torre, con i suoi otto livelli fuori terra (64,57 metri di altezza pari a circa 110 braccia fiorentine) presenta caratteri neoromanici, ispirati alla torre tardo-duecentesca di Ognissanti. Con regolari specchiature quadrate in filaretto di pietra forte, bordate da archetti pensili a tutto sesto e lesene, propone lungo i quattro livelli il progressivo e classico ampliamento delle finestre, da monofora a trifora. Un più pronunciato carattere “gotico” doveva esserle attribuito dalla cuspide arricchita con la sequenza di foglie ondeggianti (gattoni o smerli), che correvano lungo i suoi spigoli, rimosse durante il restauro del 1778.

Nello stesso periodo furono nascosti i bacini in cotto invetriato, incastonati nelle pareti delle quattro specchiature della cuspide in muratura di mattoni a facciavista, bacini disposti secondo schemi a croce greca e su due ordini in altezza, oggi riportati alla luce.

I quattro timpani alla base della cuspide, col tema della croce potenziata, dialogano con le testate del sottostante transetto, un tempo presenti anche sul fronte settentrionale, oltre che con l’ottagonale campanile della Badia.

Gli oculi, le finestre circolari al centro dei timpani, furono tamponati durante i lavori sette centeschi e nello stesso periodo furono rimosse le statue presenti al loro interno rappresentanti il tetramorfo: un’aquila per Giovanni, un angelo per Matteo, un leone alato per Marco ed un toro alato per Luca.

Le campane

Fino al 1845 erano quattro: – Maria Domenica Caterina, la grossa, dalla voce potente (libbre 3140 – 1.066,15Kg), – Maria Nunziata Pietra Tommasa (libbre 2320 – 787,64Kg), – Maria Assunta Vincenza Antonina (libbre 1564 – 530,97Kg), – Maria Giovanna Caterina (libbre 1150 – 390,42Kg).

Realizzate tutte e quattro dal fonditore fiorentino Alessandro Tognozzi, nipote di Domenico Moreni, furono inaugurate il 16 giugno 1764. Al Tognozzi-Moreni i frati avevano dato il bronzo delle vecchie campane. Tra di esse, la seconda, portava la data di nascita: 1303 ed il fonditore era stato Puccio fiorentino, non meglio conosciuto. o.

Nel 1845, per migliorare il suono complessivo e renderlo così più armonioso, fra Rosario Magnelli fece realizzare la quinta campana di circa 800 libbre, dedicata al Beato Giovanni da Salerno, fondatore del Convento di S. Maria Novella, primo insediamento domenicano a Firenze.

Per ulteriori info: www.smn.it

Print Friendly, PDF & Email

Translate »