energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

“Sant’Anna di Stazzema, il Silenzio”: ricordare l’eccidio Cultura

Lucca – Accompagna il percorso di visita la voce narrante di Elisabetta Salvatori. A 70 anni dalla strage nazifascista di Stazzema del 12 agosto 1944, si inaugura il 31 luglio al Palazzo Ducale di Lucca, la mostra del ciclo di opere di Serafino Beconi dedicate alla memoria dell’eccidio. Ingresso libero al pubblico dal 1° agosto al 21 settembre: Sala Staffieri del Palazzo Ducale.

Il 2014 è un anno importante per la memoria di Sant’Anna di Stazzema 70 anni dalla strage, 20 anni dall’apertura dell’armadio della vergogna, 10 anni dall’inizio del processo. Giovedì 31 luglio alle 19 a Palazzo Ducale (Lucca) sarà inaugurata la mostra “Sant’Anna di Stazzema – Il Silenzio”, del pittore versiliese Serafino Beconi. Si tratta di un percorso espositivo non tradizionale che interpreta i tre giorni che hanno cambiato la storia di sant’Anna e di tutto il territorio della Versilia. L’11 di agosto, il giorno prima, la vita nella quiete della montagna apuana, apparentemente protetti dalle atrocità della guerra. Il 12 agosto, l’arrivo dei soldati, la disperazione delle madri, i pianti dei bambini, la strage, un’incomprensibile rappresaglia eseguita con indescrivibile crudeltà.eccidio stazzema 4 Il 13 agosto, il silenzio. A Sant’Anna tutto tace: solo la morte e la disperazione parlano dentro un silenzio che è proseguito per decenni. Ci sono segnali di speranza nella più totale desolazione: i pochi bambini superstiti; una speranza che 50 anni dopo si svela nei documenti del ritrovato Armadio della Vergogna e, finalmente, l’inizio del processo. Una speranza e una memoria che diventa un progetto nella costituzione a Sant’Anna di un Parco della Pace.
La mostra, ideata e allestita da Alessandra Guidi, ha il catalogo edito da Pacini Fazzi Editore con i contributi di Carlo Carli, Emmanuel Pesi e Corinna Beconi, la figlia del pittore.

Nella ricorrenza del 70° anniversario della strage nazifascista, crimine contro l’umanità commesso dai soldati tedeschi della 16. SS-Panzergrenadier-Division “Reichsführer SS”, sotto l’ordine del generale Max Simon, il 12 agosto 1944. La Provincia di Lucca e la Fondazione Banca del Monte di Lucca, in collaborazione con il Comune di Stazzema, hanno scelto di ricordare il tragico evento con una mostra: per non dimenticare, per costruire un futuro di pace.

Nel percorso è esposta una selezione di opere del ciclo dedicato alla strage da Serafino Beconi, l’artista  scomparso nel 1997 che tra il 1959 e il 1964 si è dedicato quasi totalmente alla memoria di Sant’Anna di Stazzema, “incapace o impossibilitato – come ebbe a dire egli stesso – di dedicarsi a qualunque altra cosa”, che gli sembrava vana e futile al confronto di tale tragedia.
eccidio seppellimento figliaLa mostra resterà aperta, a ingresso libero, dall’1 agosto all’1 settembre, dalle 17 alle 23, e da martedì 2 a domenica 21 settembre, dalle 15 alle 19. Il percorso di visita avrà inizio ogni 30 minuti. Giorno di chiusura: lunedì. Per gruppi e scolaresche, su richiesta è prevista l’apertura fuori orario.

Per informazioni: info@fondazionebmluccaeventi.it

Foto Fondazione Banca del Monte di Lucca
Alcuni dei quadri in mostra
Seppellimento della figlia, 1964, olio su tela 210 x 170 – Genny Marsili, 1963, olio su tela , 100 x 70
– – Rogo delle madri, 1962, olio su tavola 170 X 210
– Paura nei bimbi, olio su tela cm 80×60

eccidio Stazzema mostra 2

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »