energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sas e Carapelli: i lavoratori tremano Società

La commissione Emergenza occupazionale del Consiglio regionale della Toscana ha dedicato la giornata di oggi, giovedì 29 novembre, alla Sas (Servizi alla Strada) di Firenze ed alla Carapelli di Tavarnelle. I rappresentanti sindacali di Sas, la società in house mediante la quale il Comune di Firenze gestisce gli interventi di manutenzione alla rete stradale cittadina, l’accesso alla Ztl ed altri servizi legati alla mobilità privata, avevano chiesto un incontro in Regione. Il timore dei lavoratori di Sas, infatti, è che Palazzo Vecchio proceda alla privatizzazione dell’azienda, come già fatto con Ataf. Il decreto sulla spending review, infatti, prevede la dismissione delle aziende in house. Il presidente della commissione consiliare, Paolo Marini, ha assicurato, però, che verrà chiesto al Comune di Firenze di salvaguardare i livelli occupazionali attuali di Sas, così che l’azienda non debba fare la stessa fine di Ataf, dove si era assicurato il mantenimento di tutti i posti di lavoro e dove, invece, si inizia già a parlare di esuberi. Quanto alla Carapelli, azienda che produce olio e che viene gestita dalla società spagnola Deoleo, i sindacati dei lavoratori di Tavarnelle lamentano che la proprietà ha annunciato la mobilità per 28 addetti dell’area impiegatizia. I sindacati e l’azienda si dovrebbero incontrare il 13 dicembre, ma la commissione consiliare ha annunciato che dopo questo nuovo confronto convocherà le Rsu aziendali per capire quale futuro sia stato previsto dalla proprietà spagnola per lo stabilimento di Tavarnelle.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »