energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Scandalo prezzi latte ovino: agli allevatori meno di quanto costa produrlo Economia

E’ in pericolo il futuro del formaggio pecorino toscano. E in primis degli allevatori. Un prezzo del latte ovino in Toscana, , regione in cui sono presenti oltre 2.000 allevamenti sul territorio regionale, di cui il 55% nella sola provincia di Grosseto ed il restante, prevalentemente, nelle province di Siena, Pisa, Firenze, Livorno e Arezzo, che va da 0,72 €/lt a 0,87 €/lt (+ iva), con casi in cui un litro di latte viene pagato anche meno di 72 centesimi iva esclusa. Una forbice – informa la nota di Cia Confederazione italiana agricoltori della Toscana – che non permette neppure la sopravvivenza di una pecora che costa (all’azienda agricola) 1 euro per ogni litro di latte che produce (fra alimentazione, cure generali e burocrazia), senza considerare il costo del lavoro e gli ammortamenti. La remunerazione in Toscana, regione in cui sono presenti 550mila capi e si producono  45 milioni di litri di latte e se ne lavorano 80 mln, è ferma agli anni Novanta, mentre i costi di produzione per l'azienda agricola sono triplicati in dieci anni. Il presidente di Cia Toscana  Giordano Pascucci chiede oggi con fermezza di "salvare l’allevamento ovino in Toscana" partendo da "un nuovo accordo di filiera", finalizzato a dare forza alla filiera toscana, affrontando criticità ed aggiornando i progetti imprenditoriale. Occorre "tutelare il prodotto toscano che deve essere fatto – ha proseguito Pascucci –  sempre e solo con latte toscano".
Questa l'allarmante situazione della zootecnia da latte ovino che è emersa oggi a Grosseto nell’incontro organizzato dalla Cia Toscana e Cia Grosseto, “Latte ovino toscano: obiettivo accordo di filiera”, e che gli allevatori da tempo e da più realtà locali della Toscana hanno segnalato negli ultimi anni.  All'incontro hanno patecipato oltre 200 allevatori provenienti dalla provincia grossetana e dall’intera Toscana, rappresentanti dei più importanti caseifici toscani, associazioni di prodotto e delle istituzioni locali e regionali.

L'appello degli allevatori alla Regione. Gli allevatori maremmani e toscani si stanno sempre di più unendo, per evitare frammentazione di fronte alla trasformazione per un accordo unico sul prezzo del latte, e hanno lanciato un appello alla Regione Toscana: <<Aiutateci, non produciamo solo per noi ma anche per il paesaggio toscano, ambiente e turismo. Uno dei grandi problemi sono i predatori, si tutelano i cani randagi e non gli agricoltori".

I problemi della zootecnia da latte in Toscana secondo la Cia
Per la Cia Toscana servono azioni per l’implementazione e sviluppo delle tecniche colturali e di allevamento; per il miglioramento degli aspetti qualitativi e sanitari del prodotto; per l’aumento delle produzioni di latte nei periodi stagionalmente sfavorevoli; per il miglioramento degli aspetti commerciali di vendita dei prodotti latterio caseari. "Fra i problemi con cui il settore deve fare i conti – ha sottolineato Enrico Rabazzi, presidente della Cia Grosseto e vicepresidente regionale – la carenza strutturale per il comparto ovicaprino, per il quale non esiste da anni un indirizzo economico con politiche adeguate allo sviluppo e la competitività; una scarsa concentrazione dell’offerta con un approccio disomogeneo al mercato da parte dei produttori del latte; e poi incapacità da parte dell’industria di trasformazione nel ricercare nuovi mercati, nel produrre e commercializzare in funzione della remunerazione del prodotto primario, scaricando sui pastori, tutti gli oneri e le difficoltà della stessa industria". Per Rabazzi poi il settore paga "un ruolo ancora insufficiente del sistema cooperativo che non riesce a determinare il mercato e quindi a contrastare efficacemente alcune politiche industriali; e l’insufficiente ruolo delle organizzazioni di prodotto che determina una difficoltà nella concentrazione dell’offerta con il conseguente indebolimento nella fase della contrattazione".

Le dichiarazioni
"E’ necessario ed urgente una maggiore tutela della produzione del latte toscano – ha affermato Giordano Pascucci – con l’introduzione di specifiche forme di identificazione e tracciabilità del prodotto, con iniziative efficaci di controllo sui requisiti di qualità del latte proveniente da fuori regione o da altri Paesi Ue. Bisogna rafforzare la filiera toscana sostenendo la crescita e il ruolo della cooperazione e delle organizzazioni di prodotto in un’ottica di filiera, e con finalità di programmazione. E poi più promozione verso nuovi mercati; un nuovo rapporto con il sistema distributivo e commerciale, sia per i prodotti lattiero caseari fatti con latte toscano, che per gli agnelli certificati provenienti dagli allevamenti toscani. Inoltre favorire azioni di promozione per la vendita e il consumo della carne di agnello nella filiera corta; sostegno e servizi alle aziende (come lo smaltimento delle carcasse)". E per quanto riguarda la destagionalizzazione del prodotto "ci vuole un progetto strategico che preveda il sostegno pubblico per gli investimenti in azienda (introduzione e miglioramento delle razze allevate, innovazione tecnologica, logistica e impiantistica per la mungitura)".

"Fra le nostre proposte – ha aggiunto Giordano Pascucci – l’individuazione della razze allevate più rispondenti alle nuove necessità produttive; l’innovazione su tecnologie, attrezzature, logistica  e impiantistica per la mungitura; nuove pratiche agronomiche e tecniche di allevamento nell’alimentazione animale". Pascucci porterà alcuni allevatori presenti oggi a Grosseto ad un incontro con l’assessore regionale Gianni Salvadori per presentargli le problematiche del settore.

Foto Coldiretti Toscana

Print Friendly, PDF & Email

Translate »