energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Schettino: “Mi sono limitato a descrivere l’incidente” Cronaca

Meta di Sorrento (Napoli) – Si è detto dispiaciuto, il capitano Schettino. E non è la prima volta, verrebbe da dire. Dopo la diffusione della notizia che l’ex comandante della Costa Concordia aveva tenuto lezione ad un seminario organizzato da un master dell’Università La Sapienza di Roma, intorno alla sua figura si è scatenato un nuovo “putiferio”, come lo stesso Schettino lo ha definito. In effetti la presenza all’Università capitolina di quello che, almeno al momento, è considerato il principale responsabile del naufragio della nave da crociera di fronte all’isola del Giglio, è apparsa a molti (compreso chi scrive) davvero fuori luogo. Ma il capitano non si sa spiegare – dice – l’indignazione nata dalla sua presenza nell’Ateneo romano. “Mi sono limitato a descrivere l’incidente. So veramente per filo e per segno quello che è successo”, ha dichiarato.

Sulla questione è intervenuto anche il sindaco dell’Isola del Giglio, Sergio Ortelli. L’intervento di Schettino alla Sapienza, ha spiegato, rappresenta “un’ulteriore ferita alle famiglie delle vittime”. “Indignazione”, ha proseguito Ortelli, non spiega bene la sensazione di chi ha vissuto il naufragio sulla propria pelle, come i Gigliesi. “Bene ha fatto il Rettore Frati de La Sapienza – ha concluso – a dare una pronta e ferma risposta. Mi domando quali potessero essere i risvolti educativi o formativi prodotti dall’esperienza di colui che rappresenta l’imputato di un processo penale per dei fatti di cui noi Gigliesi conosciamo effettivamente come si sono svolti, noi che li abbiamo vissuti in prima persona. Io credo che non ci sia proprio una ragione scientifica, non c’è una ragione didattica che possa giustificare un’azione del genere che da tutti è stata definita come un atto da condannare in modo netto”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »