energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Schianta tubo dell’acqua in viale Morgagni, Publiacqua: “Lavori ad oltranza” Cronaca

Firenze – Si schianta un altro tubo a Firenze e l’ironia è inevitabile. Il web non perdona, e il minimo che viene scritto sui post è : Firenze come Venezia, con tanto di foto. Perché anche oggi un tubo dell’acqua si rompe e getta il prezioso liquido su viale Morgagni, nei pressi dell’ospedale di Careggi, dove si avvalla il manto stradale . Come fa sapere il Comune, i lavori, con chiusura della corsia di destra del viale, dureranno almeno due giorni. 

I motivi della rottura sono come al solito piuttosto difficili da decifrare: forse il via vai di mezzi e lo sbalestramento del terreno provocato dai lavori della tranvia, forse, dicono i cittadini fra l’inferocito e il rassegnato, di nuovo una rottura legata all’usura. Quei tubi sono vecchi, dice qualcuno, e qualcun altro scrive: “Cosa si aspetta a cambiare tutto il sistema tubario, un pezzo per volta?”.  Il tratto interessato è quello compreso fra via Vittorio Emanuele e via Cocchi, spiega la nota comunale, mentre il trasporto pubblico viene deviato sulla corsia di sinistra con disassamento all’altezza di via Santo Stefano in Pane per rientrare verso Careggi. Previste la revoca della corsia preferenziale per i mezzi pubblici sulla direttrice via Vittorio Emanuele-via Alderotti e l’inversione del senso in via Cocchi da via Vittorio Emanuele (che diventa verso viale Morgagni).  Gli operai sono a lavoro.

E giunge la nota di Publiacqua, che riportiamo integralmente: “Informiamo i cittadini del Comune di Firenze che l’intervento sul guasto alla rete idrica di viale Morgagni andrà avanti ad oltranza fino a riparazione della tubazione interessata prevista per la tarda serata. Non appena terminato l’intervento di riparazione verrà dato inizio all’intervento di ripristino stradale che, salvo condizioni meteo particolarmente avverse, sarà completato nella giornata di domani. Publiacqua si scusa con i cittadini per i disagi che questo guasto creerà loro”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »