energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sindacati, sciopero alla Fabio Perini: solidarietà ai lavoratori AST Cronaca

Lucca – Mentre Renzi e Guid incontrano i sindacati, parte lo sciopero di un’ora dall2 10:30 ale 11:30 alla Fabio Perini di Lucca, in solidarietà con i lavoratori della Acciai Speciali Terni (AST), alcuni dei quali sono stati feriti dalla polizia durante la manifestazione di ieri a Roma. La Fiom di Lucca e Provincia: “E’ il colmo, sciopero nazionale in tempi rapidi”. Sui gravi fatti di ieri interviene duramnete anche UIL Toscana esprimendo il proprio rammarico: “Continui attacchi del Renzi al sindacato non aiuta”.

Sdegno e sconcerto anche a Lucca per i gravi fatti durante la manifestazione degli operai delle acciaierie di Terni a Roma, nella quale le cariche della polizia hanno portato anche al ferimento di 4 lavoratori. In queste ore si sta svolgendo a Palazzo Chigi l’incontro tra il premier Renzi, i sottosegretari Graziano Delrio e Teresa Bellanova con i segretari Fiom, Fim e Uilm, Rappa, Farina, Bentivogli e Ghini.  IntantoIl sindacato Fiom Cgil di Lucca e Provincia osserva: “E’ evidente ormai che la misura sta arrivando al colmo, tra annunci roboanti e misure di legge in senso opposto e ai danni delle fasce sociali più deboli ! La spinta emersa dalla manifestazione di Roma di sabato 25 ottobre non può essere dissipata, quindi di fronte a queste prepotenze e aggressioni di vario genere non può più rimandarsi la proclamazione di uno sciopero generale nazionale in tempi rapidi“.

“Dopo i gravissimi fatti di ieri a Roma – ha fatto sapere già ieri la Fiom Cgil di Lucca e Provincia – , legati allo sproporzionato e violento intervento della polizia verso gli operai della Acciai Speciali Terni in manifestazione, la RSU Fabio PERINI chiama alla mobilitazione tutti e tutte le dipendenti della azienda, chiedendo stessa partecipazione per le ditte esterne in appalto presenti con 1 ora di sciopero, dalle 10.30 alle 11.30 oggi, 30 ottobre, con presidio presso ingresso PIP.”

La Uil Toscana esprime oggi rammarico per i fatti di Roma contro i lavoratori della AST di Terni, con “la speranza che episodi del genere non si ripetano mai più” e sottolineando che  “i continui attacchi del premier Renzi contro il sindacato non aiutano ad abbassare i toni e a creare quel clima di confronto che invece sarebbe necessario.
“I fatti avvenuti a Roma ai lavoratori della AST di Terni – precisa la nota di Uil Toscana – sono la conseguenza delle esasperazioni che in questo momento il  mondo del lavoro vive con i continui licenziamenti e di un governo che dimostra la sua incapacità di affrontare i problemi dell’occupazione nel Paese.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »