energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Scomparsa Silvia Rosselli, il cordoglio di Valdo Spini Breaking news, Cronaca

Firenze – Profondo dolore per la scomparsa di Sivia Rosselli, primogenita di Nello, (ucciso con il fratello Carlo a Bagnoles de l’Orne il 9 giugno 1937) è stato espresso da Valdo Spini, Presidente della Fondazione Circolo Rosselli, nel dare la notizia del decesso.

Silvia Rosselli è morta a Roma, all’età di 94 anni, la città dove era nata nel 1928. Nella sua esistenza ha seguito il cammino di esule della famiglia:  dal 1937 al 1946 in esilio, prima in Svizzera,  poi Inghilterra e Stati Uniti. Sposatasi al rientro in Italia, ha avuto 3 figli, Emanuela, Flaminia e Giovanni Forti. Fu allieva dello psicoanalista Ernst Bernhard, esercitando poi la professione come analista junghiana. Rtiratasi in pensione, viveva a Trastevere.

“Nata nel 1928 Silvia era stata concepita ,così mi disse lei stessa, al confino di Ustica dove Nello era stato ristretto dal regime fascista – ricorda l’ex ministro socialista Valdo Spini – aveva dovuto subire tutto il cammino delle persecuzioni cui la famiglia Rosselli era stata oggetto, perdendo poi il padre e lo zio , assassinati nel 1937 quando lei aveva nove anni. Seguì poi con la nonna Amelia e con le due famiglie superstiti il lungo  cammino dell’esilioapprodando negli Stati Uniti  fino  al ritorno in Italia dopo la comclusione della II guerra mondiale”.

Silvia Rosselli aveva narrato le sue vicende in un libro, “Gli otto venti”, edito da Sellerio.

“La famiglia Rosselli ha pagato un alto prezzo alla lotta per la libertà e la democrazia contro la dittatura fascista  – sottolinea Valdo Spini- A tutti i Rosselli, sia a quelli caduti sia alle loro famiglie dobbiamo una grande gratitudine. Alla famiglia di Silvia, alla sorella  Paola, al fratello Alberto, alle loro famiglie un pensiero solidale e la condivisione del loro lutto”.

In foto: Carlo e Nello Rosselli

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »