energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Scontri per l’emergenza casa, ferito Lorenzo Bargellini Cronaca

Firenze – Ormai sembra assodato dal video messo in rete: dopo le prime versioni contrastanti (da un lato chi sosteneva che il leader del Movimento di Lotta per la Casa fosse stato colpito da una manganellata durante una carica, dall’altro chi diceva che la ferita alla testa di Bargellini fosse stata provocata da una bottiglia lanciata dagli stessi manifestanti) sembra sia stata davvero una bottiglia tirata da qualcuno del corteo ad avere mandato all’ospedale il leader del Movimento di Lotta per la casa. In un modo o nell’altro, Lorenzo Bargellini, messosi a sedere con il sangue che scorreva, è stato portato all’ospedale di Santa Maria nuova, a pochi passi dalla sede della Regione, in ambulanza. Ed è lì che in questo momento si stanno dirigendo i resti del corteo che oggi hanno tentato invano di farsi ricevere dai consiglieri regionali riuniti in assemblea.

scontri casaDel resto, oggi a ricevere i circa 200 manifestanti che contestavano sostanzialmente il piano casa proposto dalla Regione, ormai noto ai più col nome di Legge Saccardi, c’era un vero e proprio esercito. Tuttavia, tranne qualche attimo di  tafferugli e il solito corollario, la manifestazione sembrava scorrere via liscia, anche se momenti di pericoloso alzarsi della tensione erano già trascorsi, come un primo tentativo di sfondare il cancello per entrare nel cortile interno della sede regionale, che però non aveva sortito effetti particolari.

Infine, era circolata la promessa che da lì a un quarto d’ora il consiglio regionale avrebbe ricevuto una delegazione.Ma la proposta non era stata accolta dal favore della maggioranza, che voleva che tutti venissero ricevuti, “magari – si diceva – in una stanza grande”. Ma il tempo passava invano e gli animi si rinfocolavano. Così, nuovo tentativo di irruzione, con rottura del vetro di una porta della sede regionale tramite caschi o bottigliate. A quel punto, una volta stancati, i manifestanti sono usciti di nuovo sulla strada. E lì, senza capire molto bene, nella confusione, cosa potesse essere avvenuto (forse qualcuno ha tentato di sfondare il cordone della polizia o è stato messo in atto qualche altro  movimento di cui non si è ben compresa la dinamica), è partita la carica delle forze dell’ordine. Dispersi i manifestanti, Bargellini è rimasto a sedere sanguinante. Circa metà del corteo ha proceduto poi verso la stazione dove si è sciolto. Un drappello invece è tornato sui suoi passi per andare a Santa Maria Nuova e informarsi delle condizioni di Lorenzo Bargellini: al leader del Movimento di Lotta per la Casa sono state riscontrate fratture a zigomo mascella e osso parietale, con piccolo versamento ematico intracranico.  

Stefania Valbonesi-Laura Bonaiuti

Print Friendly, PDF & Email

Translate »