energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Scuola: 237 milioni bloccati al Ministero del Tesoro Notizie dalla toscana

 ''Senza i 237 milioni di euro previsti dall'apposito fondo, le scuole paritarie del nostro Paese, e tra queste le scuole dell'infanzia gestite dai Comuni, rischiano di riaprire a settembre con una sensibile riduzione dei servizi''. E' quanto denuncia l'assessore all'educazione del Comune di Firenze Rosa Maria Di Giorgi, delegata Anci regionale per il settore scuola. ''Ho sollecitato, in accordo con gli altri responsabili regionali – spiega Di Giorgi – il presidente dell'Anci Graziano Del Rio perché si muovesse con una lettera al ministro Francesco Profumo. Il fondo di 530 milioni di euro, assegnato annualmente alle scuole paritarie non solo è rimasto invariato da più di 10 anni ma nel 2012 ha pure subito una riduzione. L'attuale disponibilità è di mezzo miliardo di euro ma l'erogazione di queste risorse è stata fatta con il contagocce: qualche tempo fa 180 milioni, nei prossimo mesi 86''. ''La questione è grave – sottolinea l'assessore – in quanto questi istituti, compresi quelli comunali, riempiono le carenze della scuola dell'infanzia statale. Senza queste strutture tanti bambini, dai 3 ai 6 anni, rimarrebbero a casa in quanto lo Stato, con le proprie scuole dell'infanzia copre, a livello nazionale, soltanto il 60% del fabbisogno. A Firenze, ad esempio, su 8mila bambini della leva scolastica 3-6 anni, soltanto 4mila hanno il posto nella scuola dell'infanzia statale. Gli altri 3mila vengono accolti nelle scuole comunali e 1000 in strutture private. Senza queste risorse, quindi, tante famiglie sarebbero in difficoltà''. ''Il problema – conclude Di Giorgi – è che non si conoscono ancora i tempi per l'erogazione degli altri 237 milioni di euro, previsti in uno schema di decreto interministeriale e al momento bloccati tra le maglie della spending review presso il ministro del Tesoro. Solo una rapida approvazione del decreto potrà scongiurare, in diversi casi,''effettivo rischio chiusura per il prossimo anno scolastico per molte scuole paritarie''.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »