energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Scuola IMT: Bertolacci tra i vincitori di Falling Walls STAMP - Università

Lucca – Amos Bertolacci, professore di Storia della Filosofia Medievale della Scuola IMT Alti Studi Lucca, è tra i dieci vincitori di Falling Walls 2020 per la categoria scienze umane e sociali. Falling Walls è una prestigiosa conferenza scientifica internazionale che si svolge in seno al World Science Summit, ogni anno a Berlino durante la Berlin Science Week in occasione dell’anniversario della caduta del muro, tra pensiero scientifico innovativo e cultura pacifica. Un’edizione tutta digitale, quest’anno, una virtuale vetrina globale che fino al 10 novembre vedrà riuniti oltre 500 rappresentanti della comunità scientifica internazionale sul terreno strategico di intersezione tra scienza e società, per riflettere e discutere i temi più delicati e urgenti del nostro tempo.

La filosofia riesce ad abbattere i muri tra le religioni, come illustra il Professor Bertolacci nella conferenza che, nello spirito di Falling Walls, si intitola “Breaking the Wall of Religious Diversity through Philosophy”. Attraverso la mappatura e l’analisi dei manoscritti della Metafisica, l’opera principale del filosofo arabo Avicenna, il lavoro di ricerca del professor Bertolacci svela l’esistenza di un ponte culturale e di rapporti intellettuali e materiali mai sopiti tra Islam e Occidente.

Il prossimo 5 novembre, sarà possibile scoprirne di più attraverso una videointervista e una sessione in diretta di domande e risposte con il pubblico a cui si potrà partecipare sul sito di Falling Walls https://falling-walls.com/…/social-sciences-and…/. Infine, il 9 novembreconosceremo il vincitore assoluto di categoria, The Science Breakthrough of the Year. 

“In un momento cruciale della storia, al tempo dell’invasione islamica dell’Europa, delle crociate e della reconquista, la filosofia è stata in grado di gettare un ponte fra religioni in contrasto tra loro e regimi politici instabili. Lo dimostra, a quel tempo, la diffusione della filosofia del musulmano Avicenna, tra Oriente e Occidente, dall’India fino all’Europa. Il mio obiettivo è documentare che, per la sua forza universale, la filosofia può oltrepassare i confini di civiltà distinte e ricreare unità culturale tra i popoli, allora come oggi, all’indomani della battaglia di Poitiers così come dopo l’11 settembre 2001 e gli ultimi drammatici eventi dei giorni scorsi”, dice il Professor Bertolacci.

“In questi ultimi anni – prosegue – l’idea di uno scontro di civiltà è stata usata con forza per descrivere il rapporto tra il mondo musulmano e la cosiddetta civiltà occidentale, come se nessuno spazio di dialogo fosse ancora possibile. La mia ricerca evidenzia che in un momento storico ancora più drammatico, al tempo di una guerra internazionale tra Islam ed Europa nel Medioevo, la filosofia ha saputo essere una piattaforma condivisa di discussione culturale tra pensatori di religioni e affiliazioni politiche diverse su argomenti cruciali per tutta l’umanità”.

Se a quel tempo la cultura europea recuperò la conoscenza del suo passato greco attraverso la mediazione dell’“altro” arabo-musulmano è certo che analoghe forme di dialogo e interazione positiva possano essere esplorate anche oggi.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »