energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Scuola IMT: le nuove tecnologie di automazione nell’industria STAMP - Università

Lucca – Le sfide dell’automazione: dal miglioramento della produzione alle automobili che si guidano da sole fino alla progettazione di sistemi sempre più ecocompatibili. Sono questi alcuni degli obiettivi del controllo predittivo, branca della ricerca ingegneristica da sempre fondamentale per lo sviluppo dell’industria. Lo scopo è rendere le macchine sempre più intelligenti in modo che anche nell’automazione si possano anticipare i problemi, come nel caso della guida autonoma, dove si mira a rendere i veicoli in grado di evitare un ostacolo.

È dedicato proprio a questo importante settore della ricerca il corso di dottorato tenuto dal professor Alberto Bemporad, uno dei massimi esperti mondiali in tecnologie di automazione di tipo predittivo, che si conclude domani (10 maggio) alla Scuola IMT Alti Studi Lucca. Il corso ha visto la partecipazione di più di trenta dottorandi provenienti da varie università italiane ed estere, tra cui l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, l’Università di Bolzano, la Scuola Superiore Sant’Anna, l’Università di Roma “La Sapienza”, Università e l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova e il LAAS-CNRS Toulouse.

Le tematiche del corso riguardano lo stato dell’arte del controllo predittivo, che ha innumerevoli applicazioni in ogni settore industriale e, in particolare, in quello della carta, che rappresenta senza dubbio il comparto più importante dell’economia della Piana e della Mediavalle lucchese.

«Sono molto soddisfatto che i corsi di dottorato che offriamo alla Scuola riscuotano così tanto interesse. Questa è una misura concreta della qualità dell’alta formazione che portiamo avanti a Lucca, con impegno quotidiano e passione», ha commentato il professor Bemporad.

 

Nella foto, il professor Bemporad durante il corso.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »