energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Scuola: sciopero del panino a Pistoia Cronaca

E' stata ribattezzata lo sciopero del panino la protesta dei genitori pistoiesi in rivolta contro le nuove tariffe comunali per gli asili nido, le aree bambini, il trasporto scolastico e soprattutto la mensa. Una protesta che si sta allargando a macchia d'olio in diverse scuole comunali. La mensa scolastica, ad esempio, da quest'anno, per le famiglie con Isee superiore a 30.000 euro costa  6,50 euro, quasi come andare a mangiare in un ristorante a prezzo speciale. Contro il rincaro, da alcuni giorni, i genitori hanno deciso che i proprio bambini si portino il panino da casa.  Pronta la replica del Sindaco Samuele Bertinelli: “Il Comune – spiega il primo cittadino – quest'anno ha investito più risorse nei servizi educativi. Il sacrificio chiesto alle famiglie che hanno di più permetterà a tutti i bambini di magiare alla mensa”.  Insomma, la solita dichiarazione anti crisi, che ormai si sente sempre da parte dei politici quando si aumentano le tariffe dei servizi. I genitori comunque continuano la loro lotta, e lunedì la protesta arriverà in piazza Duomo. Protesta legittima, solo ci pervade una grossa perplessità: perché i genitori non fanno loro lo sciopero, eventualmente della fame, e invece costringono i propri figli a mangiarsi il panino al posto di un primo, secondo, contorno, frutta – necessari per la loro crescita e anche per affrontare le sempre più dure  ed impegnative ore di studio – mentre loro, invece, se ne stanno tranquilli e beati a mangiare, o comodamente a casa o in bar o ristorante, quello che vogliono. Sembra la cena delle beffe, pardon, il pranzo delle beffe.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »