energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Se aumenta l’Iva, quanto rincara la spesa? Economia

Iva su, spesa … ancora più su. A calcolare quanto rincarerebbe la spesa degli italiani all'aumento ancora in campo (dovrebbe scattare a ottobre, una settimana oramai) dell'aliquota Iva, ci s'è messa Coldiretti. E i conti piangono, per quella parte di popolazione (la maggioranza com'è noto) che la mattina si alza e va a fare al spesa. "L’aumento dell’aliquota Iva avrebbe un effetto valanga sull’88 per cento della spesa degli italiani che viene trasportato su strada, a seguito del rincaro del costo del carburante". L'allarme è lanciato e, visto che in Italia la maggior parte delle derrate alimentari è trasportato su gomma, non c'è da stare allegri.

"L’innalzamento dell’aliquota dal 21 al 22 per cento – sottolinea ancora Coldiretti  – colpisce direttamente i bicchieri degli italiani con rincari dalle bevande gassate ai superalcolici, dai spumanti alla birra, dai succhi di frutta al vino, fino all’acqua minerale, mentre sono esclusi la maggioranza dei prodotti di largo consumo come frutta, verdura, carne, latte e pasta".
Esclusi in teoria, continua Coldiretti, in quanto: "In realtà ad essere coinvolto è l'intero sistema agroalimentare poiché  si stima che un pasto percorra in media quasi 2mila chilometri prima di giungere sulle tavole".

Dunque, il rischio che si corre non è indifferente, dal momento che non basta "escludere" dal rialzo dell'aliquota i beni di più largo consumo: se si colpisce il carburante, il gioco è fatto. Tutto rincara e i consumi, al solito, volenti o nolenti, subiranno il contraccolpo.
"Il rischio – precisa Coldiretti – è quello di deprimere ulteriormente i consumi in una situazione in cui le famiglie italiane hanno tagliato addirittura del 4% la spesa alimentare nei primi 6 mesi dell'anno. Se si vuole ripartire il primo punto da affrontare e quello di non penalizzare ulteriormente i consumi riducendo ulteriormente il potere di acquisto, compromesso dalla crisi, con l’aumento dell’Iva che è dunque importante cercare di evitare".

Print Friendly, PDF & Email

Translate »