energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sempre più Toscani leggono i giornali on-line Internet

Nella giornata di ieri, 21 marzo, la vicepresidente della Regione Toscana, Stella Targetti, è intervenuta alla presentazione della programmazione della Rete Telematica Regionale Toscana (RTRT). Per il biennio 2014-2015, la Regione stanzierà 19,5 milioni di euro per promuovere l’amministrazione elettronica e la società dell’informazione, mentre per il 2012 ed il 2013 sono previsti investimenti per 16 milioni di euro l’anno. In totale, dunque, saranno investiti per rinnovare e migliorare l’amministrazione elettronica, promuovere la cittadinanza digitale e creare nuove piattaforme di servizi per i cittadini, 51 milioni di euro in quattro anni. Ma l’assemblea tenutasi ieri a Firenze presso l’auditorium “Cosimo Ridolfi” è stata soprattutto l’occasione per un confrontosui dati del rapporto, redatto da RTRT, su “La società dell’informazione e della conoscenza in Toscana”. “In termini generali – ha spiegato la vicepresidente della Regione – la Toscana rappresenta un’eccezione positiva rispetto al dato italiano, sia nel possesso di infrastrutture di bae (il computer), sia nella possibilità di collegarsi a internet; ma questo non deve distogliere dal dato di fondo che  colloca l’Italia, purtroppo, tra i Paesi più arretrati”. Stando al rapporto di RTRT, infatti, l’Italia è posizionata nella parte bassa della classifica per quanto riguarda il livello delle connessioni a banda larga. Austria e Grecia, certo, fanno peggio del “bel Paese”, ma Cipro e Portogallo hanno una migliore rete per l’acesso ad Internet. Come ovvio, a guidare questa speciale classifica sono gli Stati del Nord Europa, prima fra tutti la Svezia. La Toscana, tuttavia, è fra le regioni italiane con i migliori dati per quanto concerne la diffusion delle connessioni fra le aziende e si colloca subito dopo Lombardia, Umbria, Friuli, Emilia Romagna, Veneto e Trentino Alto Adige. In queste regioni si arriva al 74,6% di diffusione dei siti web aziendali, metre in Toscana questo dato si assesta al 63,6%. Il 93,6% delle imprese toscane con almeno 10 dipendenti ha accesso ad Internet ed il 41,9% dei lavoratori di queste stesse aziende usa il computer almeno una volta alla settimana (il dato nazionale è lievemente superiore: 42,6%). Di poco sotto la media nazionale (84,1 %) anche il dato delle connessioni a banda larga delle imprese toscane (82%). Sono invece migliori, rispetto alla media nazionale, i dati relativi all’uso del computer e di Internet da parte delle famiglie toscane. Dal rapporto di RTRT emerge, infatti, che se in Italia il 57,6% delle famiglie possiede un pc, in Toscana si arriva al 57,8% e che solo il 36% dei cittadini toscani di età compresa fra i 16 ed i 74 anni non ha mai usato un computer e il 38% non si è mai connesso ad Internet (contro i rispettivi 39% e 41% del dato nazionale). Sempre rispetto al dato nazionale (52,4%), è leggermente superiore il numero delle famiglie che non possiede a casa una connessione ad Internet (53,6%), e questo, come hanno spiegato gli intervistati che sono serviti da campione per la redazione del rapporto soprattutto per mancanza di capacità (39,8% dei casi), ma anche per il costo del collegamento alla rete (7,4%). Interessante anche notare che è in crescita il numero delle persone che ricerca informazioni sanitarie sul web (40,5% rispeto al 36,7% del 2009), che usa la rete per trovare informazioni sui giornali on-line (48,4% contro il 44,4% del 2009), che si serve di Internet per ottenere notizie su merci e servizi (67,7% contro il 63,9% del 2009) e che seguono radio o tv sul web (30% contro il 29,6% del 2009). In calo, invece, la percentuale di coloro che cercano lavoro su Internet (13,5%) e di coloro che scaricano software dalla rete (29,2%).

Print Friendly, PDF & Email

Translate »