energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

“Senza primarie, centrodestra può iniziare a intonare il requiem” Dibattito politico

“Non ritengo chiusa la partita delle primarie”. E' lapidario, il consigliere di Palazzo Vecchio Mario Razzanelli per quanto riguarda  la riunione di ieri alla presenza di tutti i gruppi di centrodestra che ha visto la netta presa di posizione di Forza Italia contro le Primarie.
“Non capisco come si possa asserire da un lato che la candidatura di Matteo Renzi al suo secondo mandato darà alle Amministrative per Palazzo Vecchio una rilevanza nazionale e contemporaneamente arrivare alla conclusione che la strategia migliore sia contrapporgli un avversario deciso, all’ultimo minuto, nelle segrete stanze dei partiti sul quale i fiorentini non avranno avuto possibilità di esprimersi e pretendere anche che raccolga un consenso con percentuali dignitose”.

“Ostinarsi da parte di Forza Italia a non volere un candidato legittimato dalle Primarie, senza la proposta di un serio metodo alternativo, perché sarebbe un flop in termini di partecipazione, fa a cazzotti con i risultati dei sondaggi di settembre e dicembre che affermano l’esatto contrario.
Mentre in Palazzo Vecchio il PDL si disgregava in quattro tronconi il consenso alle ultime consultazioni politiche calava al 18%. Il rischio è quello di rimanere a quelle percentuali – prosegue Razzanelli- e di lasciare l’elettorato di centrodestra fiorentino diviso tra chi voterà per Renzi o per il Movimento 5 Stelle oppure rimarrà a casa. La concezione che la politica sia il prodotto di decisioni da prendere ‘inter nos’ per salvaguardare questo o quel partito è vecchia ed ha già fallito su tutti i fronti".

Print Friendly, PDF & Email

Translate »