energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Seravezza si conferma capitale della fotografia Notizie dalla toscana

La nona edizione di Seravezza Fotografia, la prima con la direzione artistica di  Ivo Balderi e che si svolge in varie sedi a Seravezza (Lu), ha ottenuto anche quest’anno un grande successo e ormai si può considerare una delle rassegne più importanti a livello nazionale in grado di coniugare i grandi nomi della fotografia internazionale con il mondo amatoriale. Dal giorno della sua apertura lo scorso 28 gennaio, la manifestazione, anche se manca una settimana alla chiusura,  ha visto la presenza di oltre 2000 visitatori ( lo scorso anno furono alla fine 1700),  e una grande e interessata partecipazione agli incontri di cultura fotografica, i workshop e le letture portfolio. Organizzata dalla Fondazione Terre Medicee, dall’assessorato alla cultura del Comune di Seravezza e il patrocinio della FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche),  chiuderà i battenti il 9 aprile e le mostre saranno aperte al pubblico anche per Pasqua domenica 8 aprile ed eccezionalmente il giorno di Pasquetta. “Anche quest’anno Seravezza Fotografia ha incontrato il favore di pubblico e critica – ha detto Ettore Neri sindaco di Seravezza e presidente della Fondazione Terre Medicee – e questo è un dato incoraggiante in particolare in un momento come questo dove tutti gli investimenti anche culturali devono essere fatti all’insegna dell’oculatezza economica e con un ritorno ben quantificabile.  Questo successo è uno stimolo a fare ancora meglio lungo questo nuovo percorso che abbiamo intrapreso che ci offre garanzie e soddisfazioni”. Il tema dell’edizione 2012 è stato il reportage e tra i protagonisti ci sono stati fotografi impegnati per raccontare in prima linea guerre e conflitti sociali ma anche la vita di tutti i giorni e i drammi che spesso si trovano vicino a noi.  Primo tra tutti il grande fotoreporter Romano Cagnoni con la mostra  “Upside down memories. Memorie sovvertite” esposta nelle sale del Palazzo Mediceo di Seravezza. Oltre 100 fotografie che ripercorrono 50 anni di guerre di cui Cagnoni è stato testimone, dal Biafra, al Vietnam, dalla ex Jugoslavia fino alla Cecenia, ma anche i suoi ultimi lavori, grandi fotografie a colori che denunciano il degrado ambientale in Versilia, sua terra d’origine dove è tornato a vivere dopo trent’anni passati a Londra, città dalla quale partiva per documentare conflitti internazionali per le più grandi riviste del mondo. Grande apprezzamento  anche per tutte le mostre collaterali che si sono susseguite presso le adiacenti Scuderie Granducali: quelle di Enrico Genovesi, sulla carcerazione femminile, Livio Senigalliesi con i suoi scatti sulle vittime delle guerre degli ultimi decenni e la dura condizione umana degli immigrati in Italia, Stefano Morelli, un giovane fotografo che ha presentato il suo lavoro sulla tragedia ferroviaria di Viareggio. Infine l’antologica di Enrico Cei chiamato anche il “fotografo dei cavatori” dalle forti potenzialità di indagine nelle problematiche sociali e umanitarie. Da non dimenticare poi la mostra di Francesco Vignozzi alla birreria “La casa sul fiume” su Lampedusa e quella sul lavoro esposta al Museo del Lavoro nel Palazzo Mediceo con le foto di Gianni di Gaddo, Roberto Mari e Giuseppe Maiorana. Grande partecipazione anche ai tanti incontri di cultura fotografica, come quello organizzato il 22 febbraio all’Accademia di Belle Arti a Carrara con Livio Senigalliesi e trasmessa in diretta streaming sul portale web ufficiale della Toscana www.intoscana.it, ai workshop e le letture portfolio. La mostra “Memorie sovvertite – Upside Down Memories” di Romano Cagnoni sarà aperta tutti i giorni fino a lunedì 9 aprile giorno di Pasquetta, nel Palazzo Mediceo di Seravezza via del Palazzo 358, Seravezza (Lu), dalle 15 alle 19.30 e la domenica dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19.30. Il biglietto d’ingresso è di 5 euro intero e 3 euro ridotto. Con il solito orario di può visitare, ingresso libero, la mostra di Enzo Cei dal titolo “Qui, oggi” alle Scuderie Granducali mentre la mostra di Francesco Vignozzi alla birreria La Casa sul fiume di Seravezza si può visitare ad ingresso libero dalle 19 alle 1.00. Sono ancora disponibili alcune copie del catalogo della mostra di Romano Cagnoni, una edizione speciale, formato 40 per 60 centimetri, stampato in tiratura limitata di 400 copie al costo di 50 euro. Informazioni www.seravezzafotografia.it,  Fondazione Terre Medicee tel.0584.757443. Seravezza Fotografia è anche a twitter: @SeravezzaPhoto  e Facebook.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »