energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Serie C: stravince il Livorno, pari del Pisa con fischi dei tifosi Sport

Firenze – In testa alla classifica niente di nuovo dopo questa nona giornata del girone A del campionato di serie C. Ha vinto la capolista Siena; ha stravinto il Livorno che insegue ad un solo punto dalla vetta.

I due derby toscani sono finiti in  parità. Ma se quello tra Pistoiese e Lucchese rientrava nelle previsioni, quello tra Pisa e Gavorrano è stata una clamorosa, imprevedibile sorpresa. Infatti i nerazzurri pisani sono in alto, i maremmani ultimi con un solo punto conquistato proprio oggi a Pisa. Infine nuovo stop del Prato, quinta sconfitta consecutiva, e dell’Arezzo che continua a viaggiare a corrente alternata.

———————–

PISA- GAVORRANO 0 – 0. Risultato inaspettato, clamoroso. Il Pisa che punta a vincere il girone non è riuscito ad andare oltre uno squallido pareggio contro il Gavorrano che si era presentato all’Arena Garibaldi con zero punti in classifica.

Così al fischio finale della partita è scoppiata la protesta con lunghi fischi, dei tifosi pisani (6.631 gli spettatori). Inevitabile perché era opinione di tutti che la partita avrebbe dovuto dire solo con quanti gol avrebbe vinto il Pisa.

Invece i nerazzurri non riuscivano a sbloccare il risultato nemmeno negli ultimi 25’ quando i maremmani restavano in dieci per l’espulsione di Vitiello per somma di ammonizioni. Una brutta prova dei pisani, una giornata storta che ha fatto perdere loro due preziosi punti dei tre in palio. Ed un elogio al Gavorrano per aver lottato con grande vigore e dedizione nonostante la sua disastrosa classifica.

———————————

PISTOIESE – LUCCHESE 2 – 2.  Pistoiese due volte in vantaggio e due volte raggiunta dalla Lucchese. Un pareggio accettabile. Un primo tempo piuttosto scialbo, segnatamente nella la prima mezzora che al riposo vedeva la Pistoiese in vantaggio con una rete di Tartaglione.

In apertura di ripresa pareggio della Lucchese su rigore realizzato da De Vena. Partita molto più vivace, più ritmo, più agonismo. Gli “arancioni” di Paolo Indiani, imbattuti in casa, tornavano in avanti ad un quarto d’ora dalla fine con Luperini. Ma solo un paio di minuti dopo la Lucchese ristabiliva il pari con Fanucci.

————————–

PRATO – MONZA 2 – 3. Quarto stop consecutivi per il Prato. Contro il Monza i lanieri nel primo tempo si facevano infilzare da due reti (prima da Ponsati poi un’autorete di Badan). Vantaggio che l Monza portava a tre reti dopo una decina di minuti della ripresa con gol di Tentardini. A quel punto il Prato aveva una vivace reazione che proseguiva fino al fischio finale. Ma riusciva solo ad accorciare le distanze con una doppietta di Ceccarelli nonostante che il Monza fosse rimasto in dieci nell’ultimo quarto d’ora per l’espulsione di Adorni (rosso diretto).

Le assenze di Polo, Marzorati, Seminara e Tchanturia non bastano a giustificare questa quinta sconfitta. Forse i dati statistici offrono una valida risposta : la difesa del Prato è la più battuta visto che è la più perforata (16 gol al passivo) del girone. All’allenatore il compito di trovare la soluzione che renda i reparti arretrati più competitivi.

——————————-

GIANA ERMINIO – CARRARESE 2 – 2. Per la Carrarese un pareggio pieno di amarezza, quasi di rabbia. All’ultimo minuto del recupero quando la partita si avviava alla sua conclusione in parità (due a due) veniva concesso agli apuani un rigore che Tavano, purtroppo per la Carrarese, falliva mandando la palla su un paolo.

Comunque tenuto conto del valore della Giana Erminio, portare a casa un punticino in tasca non è male per gli apuani. Lombardi in vantaggio dopo dieci minuti con Bruno. Ed alla mezzora Bentivegna ristabiliva il punteggio ed allo scadere del primo tempo Carrarese in vantaggio con una rete di Vassallo.

All’inizio della ripresa punteggio di nuovo in parità. Poi un attimo prima di fischio di chiusura l’errore di Tavano. Per la Carrarese è il primo pareggio in campionato.

—————————

CUNEO-LIVORNO 0 – 4. Poker del Livorno sul campo di un Cuneo che solo nella prima parte della partita è riuscito in qualche modo a tener testa ad un avversario più forte. Del resto già al riposo il Livorno era in vantaggio di un gol segnato da Doumbia e colpiti due pali.

Nella ripresa i labronici travolgevano i piemontesi : doppietta di Vantaggiato (un gol su rigore) e rete di Montini.

Con questo successo l’imbattuto Livorno in classifica continua a tallonare (un punto di distacco) la capolista Robur Siena. Ed a mandare un messaggio imperioso a tutte le avversarie (sei vittorie e due pareggi). Insomma chi vuol vincere il girone A deve fare i conti con il Livorno.

—————————-

AREZZO – OLBIA 0 – 1. Sembrava che l’arrivo del nuovo allenatore, Massimo Pavanel, avesse portato l’Arezzo sulla via della completa rinascita. Uno stop iniziale contro la Lucchese, ma poi due sorrisi contro Alessandria e Pontedera, un bel pari a Livorno.

Insomma era opinione diffusa che l’Arezzo alla fine avrebbe avuto la meglio anche contro l’Olbia, anche se i sardi in trasferta su tre partite ne avevano vinte due (più una sconfitta).

Invece il campo ha consegnato i tre punti agli ospiti, anche l’Arezzo per il suo ottimo primo tempo avrebbe meritato qualcosa di più. Invece è incappato nella quinta battuta d’arresto e tutte le più belle speranze del clan amaranto, di salire in alto, si sono raffreddate un’altra volta. Il gol degli ospiti è arrivato a tre minuti dalla fine con una rete dell’italo nigeriano Ogunseye.

——————————-

ARZACHENA-ALESSANDRIA 0 – 0. Una partita senza troppe emozioni. Una gran quantità d gioco nella zona centrale del campo. pochissime le occasioni da rete. Da dividere in parti uguali. Insomma hanno prevalso la tattica e la prudenza per la paura di perdere. Giusto quindi lo zero a zero.

————————-

 

ROBUR SIENA – PRO PIACENZA 1 -0. Partita equilibrata con diverse occasioni da rete per parte. Fallite per imprecisione o per la bravura dei due portieri tra i migliori in campo.

Toscani più propositivi, più attivi; emiliani attenti e precisi in difesa abili nei contropiede. La partita si sbloccava solo al 92’ con un tiri raso terra a fil di palo di Emmausso.

Tutto sommato giusto successo della Robur Siena che conserva così il primo posto in classifica e l’imbattibilità dopo nove giornate (6 vittorie e 3 pareggi).

——————————–

  CLASSIFICA  

1°) Robur Siena p. 21;

2°) Livorno p. 20;

3°) Olbia p. 17;

4°) Pisa p. 16;

5) Viterbese, Monza p. 15;

7°) Piacenza, Carrarese ed Arzachena p. 13;

10°) Lucchese p. 12;

11°) Arezzo Pistoiese p. 10;

13°) Cuneo e Giana Erminio p. 9;

15°) Alessandria p. 8;

16°) Pro Piacenza p.6;

17°) Pontedera e Prato p. 5;

19°) Gavorrano p. 1.

—————————-

  NONA GIORNATA

RISULTATI – Robur Siena-Pro Piacenza 1-0; Arezzo-Olbia 0-1; Arzachena-Alessandria 0-0; Cuneo-Livorno 0-4; Prato-Monza 2-3; Giana Erminio-Carrarese 2-2; Pisa-Gavorrano 0-0; Pistoiese-Lucchese 2-2.

DOMANI LUNEDI’ : Piacenza-Viterbese, ore 20,45, arbitro Matteo Proietti di Terni.

Riposa Pontedera.

—————————–

DECIMA GIORNATA

Domenica 22 ottobre – Alessandria-Pisa; Carrarese-Arzachena; Gavorrano-Lucchese; Livorno-Giana Erminio; Monza-Arezzo; Olbia-Cuneo; Pontedera-Pistoiese; Pro Piacenza-Prato, ore 16,30; Viterbese-Robur Siena.

Riposa Piacenza.

—————————

Print Friendly, PDF & Email

Translate »