energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sesso ed esoterismo:perquisite scuole di yoga Cronaca

 Su questa vicenda la Procura di Firenze ha sviluppato un'inchiesta con la squadra anti-sette della Questura di Firenze. Il pm Angela Pietroiusti ha fatto perquisire dalla Polizia in più città italiane palestre e abitazioni per ipotesi di reato che vanno dall'associazione a delinquere alla riduzione in schiavitù, alla tratta di persone, alla violenza sessuale continuata. Secondo quanto emerge finora dalle indagini, le scuole di yoga sono quelle che seguono il metodo del Misa, il 'Movimento per l'integrazione dello spirito nell'assoluto', fondato negli anni '80 dal guru romeno Gregorian Bivolaru, che è fra gli indagati. Bivolaru, 60 anni, figura ambigua, è stato incarcerato più volte per diversi reati tra cui quello di pornografia. L'ultima volta nell'aprile del 2004 una ragazza di 17 anni lo accusò di stupro. Secondo quanto si apprende oggi, nel 2005 Bivolaru, ricercato in Romania per i reati di atti sessuali con minori e tratta di esseri umani, ha chiesto e ottenuto asilo politico in Svezia.

Le indicazioni del 'guru' portano a un cosiddetto 'yoga esoterico' dove non è estranea anche la tratta di persone e la loro riduzione in schiavitù. Ed è su questo che stanno mirando l'attenzione le indagini della polizia. Partite da Firenze, le indagini starebbero ravvisando, nelle filiazioni italiane del Misa e forse anche in altre scuole yoga, atteggiamenti che andrebbero ben oltre gli insegnamenti della pratica ginnico-filosofica orientale, comprensivi pure di atti di violenza sessuale indotti da credi esoterici e pornografia. Tra i vantaggi avuti dagli indagati, non si esclude neppure l'incasso di denaro pagato dagli iscritti per le rette delle scuole di yoga. L'inchiesta sarebbe nata da una o piu' denunce di frequentatori di scuole di yoga.

A Firenze le perquisizioni hanno riguardato i referenti del Centro Yoga Atman in via Gioberti a Firenze, legato al Misa. Col movimento ''abbiamo l'esclusiva'', ha detto Simone Catocchia, confermando la perquisizione della Polizia.  La Polizia ha sequestrato finora computer, agende, documenti e anche video, che verranno esaminati e che, secondo ipotesi ancora da vagliare, potrebbero esser stati fonte di ricatto. Perquisite anche persone non indagate, ma tuttavia rimaste coinvolte in vario modo nel giro.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »