energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sfratti e morosità, lo tsunami travolge il Paese Cronaca

Crisi-sfratti per morosità: l'equazione è inevitabile e funesta. A Firenze, secondo dati dell' Unione Inquilini che ha anticipato quelli del Ministero degli Interni, nel 2011 ci sono stati 1.393 provvedimenti di sfratto emessi. Di questi, 107 sono stati emessi nel capoluogo per finita locazione, 55 nella provincia fiorentina, 565 a Firenze per morosità o altra causa, 666 nel resto della Provincia, per morosità o per altra causa. La variazione rispetto al periodo precedente è del 10,21%. Le richieste di esecuzione nel territorio fiorentino sono state 4.330, con un aumento percentuale del 3, 91% rispetto al 2010, gli sfratti eseguiti 706, con un incremento dell'8, 78% rispetto all'anno precedente.
In Toscana, i provvedimenti di sfratto emessi nel 2011 sono stati 5.402, con un aumento percentuale del 9,29 rispetto al 2010. Le richieste di esecuzione forzata 13.461, con un incremento del 10,99%,  mentre gli sfratti eseguiti sono stati 2.973, con incremento pari al 10,81%. Dei 5402 provvedimenti di sfratto emessi, 2.175 sono stati emessi per morosità o altra causa nei capoluoghi di provincia, 2.704 nel resto delle provincie per morosità o altra causa.
Firenze si trova decima nella graduatoria nera degli sfratti per morosità: la maglia nera va a Roma, con 4.678 sfratti, seguita da Torino, 2.523. Solo per morosità.

E' il tragico quadro di un'Italia che soccombe. Sul territorio nazionale, sono quasi 56mila le famiglie che hanno ricevuto, nel 2011, un provvedimento di sfratto per morosità. In cinque anni, dal 2007 ad oggi, le morosità causa di sfratto hanno fatto un balzo impressionante all'insù, +64%. Sempre in percentuale, la dfficoltà a pagare il cnone e ad arrivare a fine mese (prima mangiare, poi l'affitto…) riguarda l'87% dei casi di sfratto. Le richieste di esecuzione finite all'Ufficiale giudiziario sono state 123.914, gli sfratti eseguiti sul territorio nazionale 28.641.

Come ci si toglie da una situazione catastrofica a livello sociale ed economico come l'attuale?
A Firenze, i sindacati inquilini fanno ormai spesso fronte comune,dall'Unione Inquilini, al Sunia, fino al Movimento di Lotta per la Casa. E le richieste vanno dal blocco degli sfratti per un anno, al ripristino delle strutture edilizie dell'Erp vuote ma non agibili, all'investimento di nuovi soldi per case popolari, alla ristrutturazione di immobili pubblici come caserme o altre strutture passate dallo Stato agli enti locali. Non solo. Sempre attesa la legge regionale sull'autorecupero, che permetterebbe anche alle occupazioni di tornare a garantire un ruolo di assorbimento dell'emergenza nella legalità. Ed è proprio dall'assessore regionale alla casa toscano Salvatore Allocca che proviene una proposta molto concreta: una tassa di scopo sugli immobili sfitti e vuoti, che in Toscana sono 425mila, e che permetterebbe "con soli 10 euro a testa – ha spiegato in varie occasioni Allocca – di rimettere in piedi il sistema della residenza pubblica".  Considerando anche che il numero regionale dei richiedenti casa in attesa nelle liste dei bandi sono in Toscana 22mila. Altro che Imu. 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »