energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sfratti, nuova proroga per la famiglia El Mohajir Cronaca

Ancora una proroga, per la famiglia El Mohajir. Ancora una proproga con la speranza che l’amministrazione comunale trovi una sistemazione per un nucleo famigliare costretto a convivere, come Stamp ha più volte raccontato, con muffa, crepe, infiltrazioin d’acqua, pericolo di caduta calcinacci. Lo sfratto è stato fissato nuovamente al 30 gennaio 2012.
Alle nove del mattino un presidio di circa cinquanta persone sono ad aspettare, davanti al portone di via del Leone, l’arrivo della polizia e dell’ufficiale giudiziario. Presenti, rappresentanti del Sunia e del Movimento di Lotta per la Casa. Moustapha, il capofamiglia, sembra abbastanza tranquillo. “Nel mio cuore sono sereno – commenta – dobbiamo essere positivi. Il comune non ha trovato ancora una casa per me, ma dal 16 novembre lo sfratto è stato fissato ad oggi”. Il timore è quello di un “gioco sporco, visto che da domani gli sfratti si bloccheranno per le festività”.
Dopo un’ora circa, le forze dell’ordine e gli “addetti” allo sfratto non si vedono, permettendo alla tensione di trasformarsi in speranza.
Lo stesso Sunia si lascia andare a previsioni rosee: “Oggi molto probabilmente arriverà solo l'avvocatessa per una nuova proroga. Possiamo dare per quasi certo che il Comune concederà la prossima casa libera alla famiglia di Mustapha”.
Eccoli, quasi chiamati da queste parole, arrivano quasi insieme l’avvocatessa, l’ufficiale giudiziario e due poliziotti che confermano la proroga dello sfratto al trenta gennaio 2012. Una notizia positiva, un raggio di sole in una giornata uggiosa che fa tornare il sorriso sui volti tesi e cupi degli interessati.
Malika, portavoce del Movimento di Lotta per la Casa, conclude: “Abbiamo ottenuto più di un mese di tempo e nel frattempo ci siamo già mossi per trovare una nuova sistemazione alla famiglia El Mohajir. Abbiamo chiesto all’amministrazione comunale di concederci una delle 230 case da ristrutturare a costi contenuti, Moustapha è disposto a ristrutturare l’appartamento a proprie spese”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »