energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sgarbi e lo scultore Dobrilla al polo Pietre Toscane Notizie dalla toscana

Alle 11,30 verranno presentate dallo scultore Filippo Dobrilla e da Stefano Coiai, responsabile del Polo, le sbozzature dei due modelli realizzati grazie ai macchinari all’avanguardia presenti in Garfagnana. Dobrilla ha infatti preparato i gessi dai quali lo scanner laser ha tratto le informazioni che le isole robotizzate hanno trasformato in bozze di lavoro.
I soggetti sono una rivisitazione del David e la figura di un Quadratore che nelle cave di marmo aveva il compito, con il solo ausilio di attrezzi manuali di dare ai blocchi di marmo staccati dal monte, dimensioni trasportabili. E proprio quest’ultima opera verrà donata da Filippo Dobrilla al centro di Gramolazzo.
Dopo una visita al Polo tecnologico, alle aule e ai laboratori alle 12,30 si terrà un conferenza stampa, moderata da Andrea Giannasi, con Vittorio Sgarbi e Luigi Favari, presidente del Gal Garfagnana. Al termine dell’incontro con la stampa, i docenti, gli allievi dei corsi e i visitatori del Polo Pietre Toscane Sgarbi con Dobrilla sarà accompagnato a visitare le cave di marmo.

Dobrilla fu  scoperto nel 1999 da Vittorio Sgabri che lo ha lanciato nel mondo dell'arte con queste parole: "Dobrilla sente urgere il corpo dentro la pietra, lo vuole estrarre. Salgono sulla sua montagna, dove vive libero nella natura, grandi blocchi di marmo di Carrara che non hanno committente e non hanno destinazione. Ma egli sa che contengono forme insoddisfatte che richiedono la sua mano per essere riconosciuto". Con questa visita si riannodano i fili con i grandi maestri scultori del passato che salivano le Alpi Apuane per scegliere il marmo migliore. Questa volta però la Garfagnana a vivere il futuro con la tecnologia al servizio dell’arte.

Foto www.comune.pontassieve.fi.it

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »