energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Sgomberato Poggio Secco, via 230 persone Cronaca

L’operazione di sgombero è scatta di prima mattina con un grande dispiegamento di uomini e mezzi. Circa 300 persone tra forze dell'ordine e personale dei servizi sociali, oltre agli operai della ditta incaricata della Croce Rossa Italiana, proprietaria della struttura di Poggio Secco le cui entrate sono state murate. Una situazione che si trascinava da anni e che all’ultimo momento si è acuita con l’arrivo di altre famiglie bisognose di alloggio. Una situazione giunta al limite anche sotto il profilo dell'inquinamento, della situazione igienico ambientale e delle condizioni di sicurezza dei tanti bambini, quasi 100. Ammucchiati in un cortile all’esterno della struttura numerosi rifiuti tra cui materassi, carcasse di auto e di elettrodomestici, oltre ad alcune baracche abusive. Durante le operazioni anche il tentivo di rubare la borsa a una giornalista. Ma si è trattato di un episodio in una complicata situazione  che il vicesindaco di Firenze Saccardi e  il Comune, con i propri servizi sociali, ritengono di aver risolto trovando una sistemazione a quasi 230 persone, la maggior parte di nazionalità rumena, di cui quasi cento minori. L’operazione, concordata in sede di COSP insieme a Prefetto, Questore e Carabinieri, per dare esecuzione ad un ordine di sequestro della magistratura, è iniziata con la massiccia presenza sul luogo delle forze dell’ordine. Il Comune di Firenze si è fatto carico di un numero di persone addirittura superiore a quanto previsto. La direzione servizi sociali ha gestito insieme alla Polizia Municipale tutta la fase dell’accoglienza delle persone che all’arrivo delle forze dell’ordine erano già all’esterno della struttura. Gli operatori del Comune e gli agenti della Polizia Municipale, alla presenza per ragioni di sicurezza delle forze dell’ordine, si sono occupati di tutti gli aspetti, dall’identificazione alla composizione dei nuclei familiari fino all’individuazione della destinazione.“Ringrazio in modo non formale il prezioso lavoro della direzione servizi sociali e della Polizia Municipale – dichiara il vicesindaco Stefania Saccardi – . Anche in questo caso, come negli altri sgomberi avvenuti nel Comune di Firenze, l’Amministrazione comunale si è fatta carico pressoché totalmente dell’intervento, garantendo accoglienza a quasi 200 persone, nonostante ne avessimo previste 150. Anche questa volta abbiamo risolto un’occupazione decennale che creava problemi sotto il profilo dell’ordine pubblico, dell’inquinamento e della sicurezza delle persone e dei bambini che vivevano nella struttura. Ringrazio anche la Regione Toscana nella persona dell’assessore al welfare Salvatore Allocca per il contributo economico che ha dato per questo importante intervento”.
Quasi 200 le persone accolte, di cui 170 componenti nuclei familiari con bambini che sono state sono state così sistemate: 102 alla Foresteria Pertini gestita dalla Caritas, 40 alla Santa Caterina (gestione Consorzio Coeso) e il resto in altre strutture del privato sociale (tra cui Madonnina del Grappa, San Paolino, Fuligno etc). Una ventina di uomini hanno accettato l’ospitalità dell’Albergo Popolare. Un certo numero di persone si sono allontanate volontariamente da Poggio Secco mentre un altro gruppo di occupanti è risultato provenire da altri recenti sgomberi.
“Ringrazio in modo particolare la Caritas, il Consorzio Coeso e la Madonnina del Grappa per l’aiuto che ci hanno dato e che continueranno a darci per gestire l’accoglienza”.
Il vicesindaco Saccardi ricorda che lo sgombero di Poggio Secco è solo l’ultimo di una lunga serie. Dal 2009, infatti, sono stati effettuati interventi all’ex scuola Caterina dei Medici in viale Guidoni (circa 200 persone), all’ex ospedale Meyer (oltre 130 persone), dell’immobile dell’Inarcassa in viale Matteotti (oltre 70 persone), dell’immobile del Fosso Macinante (circa 50 persone) e delle aree occupate abusivamente in via Petri (15 persone) e in via Quaracchi (due interventi per complessive 160 persone) senza dimenticare poi lo sgombero del mercatino multietnico in lungarno della Zecca Vecchia e la chiusura del campo nomadi dell’Olmatello. “Interventi effettuati sempre senza l’utilizzo della forza pubblica e senza creare tensioni sociali, coniugando il rispetto delle regole con l’accoglienza – sottolinea il vicesindaco –. E ancora senza dirottare nessuno in affittacamere (voce che nei bilanci fino 2009 pesava per 600.000 euro) e senza né subire né tollerare eventuali altre occupazioni, come è avvenuto per lo sgombero di Pian del Mugnone”. “A Firenze quando si sgombera una struttura ci si occupa e preoccupa di dove andranno a finire le persone che hanno diritto ad una accoglienza, impiegando risorse umane e finanziarie. Questo è lo stile Firenze” conclude il vicesindaco Saccardi.
Una volta terminato il lavoro degli operatori della direzione servizi sociale, è iniziato il lavoro delle forze dell’ordine, che hanno verificato che la struttura fosse vuota, e della ditta incaricata dalla Croce Rossa di chiudere e mettere in sicurezza l’immobile.
“Sorgane accoglie queste persone – commenta il presidente del Quartiere 3 Andrea Ceccarelli – come già avvenuto in passato. La popolazione della zona si è sempre comportata in modo civile nei confronti degli ospiti della struttura e sono sicuro che sarà così anche questa volta”.
“Come Quartiere siamo molto soddisfatti di questo intervento – interviene Francesca Paolieri presidente commissione ambiente del Quartiere 5 -. Da tempo i cittadini della zona, con i quali abbiamo un contatto diretto, denunciavano la difficile situazione, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto igienico-ambientale. È il secondo sgombero nel territorio del quartiere, dopo quello del campo nomadi dell’Olmatello che è stato effettuato senza problemi, con una sistemazione di tutte le persone in modo sereno. Si può veramente parlare di modello Firenze”.
“Credo si possa essere soddisfatti di questa collaborazione tra Amministrazione e realtà impegnate nel sociale che ha portato, nel giorno stesso dello sgombero, ad un risultato importante – aggiunge il direttore della Caritas Alessandro Martini -, ovvero l’accoglienza della stragrande maggioranza degli occupanti abusivi di Poggio Secco. Questo è stato fatto grazie anche a un lavoro condiviso, che ha una lunga storia e che ci consente, in modo abbastanza collaudato, di sostenere esperienze difficili e impegnative. L’abbiamo fatto come Caritas anche pensando alla tutela della dignità delle persone che, nonostante l’illegalità di un occupazione, hanno diritto di avere una prima accoglienza anche di emergenza che ci può dare poi, in primis alle istituzioni e anche come Caritas, l’occasione di valutare caso per caso tempi e modalità di reinserimento in situazioni più definitive”. “Questo è lo stile Firenze” ha sottolineato il vicesindaco  riferendosi ad analoghe  operazioni di altre amministrazioni.  Il costo previsto  si aggira sui 300.000 euro, di cui 200.000 stanziati dal Comune di Firenze 100.000 dalla Regione Toscana.

Il sindaco Renzi ha seguito l'operazione da Palazzo Vecchio e poi su un social network ha postato: "Con dialogo e inclusione'stiamo ripristinando la legalità e il rispetto delle regole, unico modo per aiutare davvero i più bisognosi. In quattro anni   abbiamo risolto questioni che andavano da decenni".L’operazione ha ricevuto anche il plauso del capogruppo di Fratelli d’Italia Stefano Alessandri: “Abbiamo appreso con soddisfazione che questa mattina è stato effettuato lo sgombero di Poggio Secco, la struttura della Croce Rossa a Careggi occupata abusivamente da 10 anni. Si è trattato, per tutti questi anni, di una vergogna da noi più volte denunciata, insieme agli abitanti della zona. Questa mattina è stata ristabilita la legalità, e si è messo fine a una situazione a forte rischio per il degrado all’interno della struttura e il pericolo igienico sanitario. In quanto forza di opposizione responsabile, noi di Fratelli d’Italia non ci sottraiamo quindi al dovere, in questo caso, di plaudire all’operato dell’amministrazione comunale”

.Foto: milnotoday.it

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »