energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Sgombero in via Rocca Tedalda, due denunciati Breaking news, Cronaca

Firenze – Il ricorso contro la decisione dell’ufficio casa è in atto, ma da un anno A., una donna di 46 anni che il 22 ottobre del 2020 venne sfrattata in conseguenza a una decadenza da assegnazione Erp, vive nella precarietà aspettando di sapere cosa succederà nella sua vita e soprattutto: tornerà a casa o no? Ma oggi, domenica 21 novembre, A. decide che non ce la fa più ad attendere. Così, rientra nella sua vecchia casa, vi si chiude dentro e attende l’arrivo delle forze dell’ordine. A sostegno e in solidarietà, il Blocco Antisfratto cittadino, che dice anche che ci sono stati due denunciati. Giungono le forze dell’ordine, polizia e digos, infine una volante dei carabinieri. Chiamati, giungono anche i vigili del fuoco, che dovrebbero entrare. Ma temporeggiano. Così, viene rintracciato un fabbro, che riesce ad aprire la porta. A. viene portata fuori, l’appartamento richiuso.

Il suo caso fece scalpore, un anno fa, perché si trattò di uno sfratto da decadenza, eseguito in costanza del blocco da Covid, e perché la donna tentò di opporvisi con tutte le sue forze, tentando di aggredire, come scrisse in una nota la Polizia municipale, un vigile con un coltello. A. spiegò che voleva solo impedire che venisse eseguito nei suoi confronti un trattamento sanitario obbligatorio. L’azione fu eseguita da un nucleo speciale di polizia municipale.  Alla donna, sola e indigente, con vecchi problemi di dipendenza e tutt’ora seguita dal Sert, era stato detto di andarsene dalla casa popolare che occupava in esecuzione della decadenza dall’assegnazione. Della sua storia si era occupato il Movimento di Lotta per la Casa e la Raf, la Rete Antisfratto Fiorentina, che l’avevano seguita nella messa in atto del ricorso (https://www.stamptoscana.it/eseguita-decadenza-da-alloggio-erp-donna-minaccia-gli-agenti/)

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »