energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Si conclude a Palermo una settimana straordinaria Sport

E’ stata una settimana di straordinaria importanza per la Fiorentina. Dopo l’esaltante successo di domenica nel derby col Siena, martedì è arrivata la notizia dei due punti di penalizzazione al Napoli che hanno permesso alla squadra viola di salire al quarto posto in classifica. Mercoledì è stato conquistato l’accesso ai quarti di finale di Coppa Italia con la sofferta vittoria di Udine. Giovedì ha parlato Andrea Della Valle che, dopo aver assicurato ai tifosi che il fratello Diego è più vicino che mai alla squadra e alla societa, ha promesso che farà di tutto per accontentare Montella per il rafforzamento della “rosa” nel calciomercato che si aprirà il 2 gennaio. Ora si attende che una settimana così bella si concluda in maniera positiva nella trasferta di domani a Palermo, ultima partita del 2012, prima della sosta di fine d’anno.
E’ una trasferta difficilissima perché il Palermo ,in piena zona retrocessione, ha assoluto bisogno di punti. Il cambio di allenatore (Gasperini al posto di Sannino) ha tardato a dare gli effetti sperati, ma nell’ultima giornata di campionato si sono notati confortanti progressi, tanto è vero che i siciliani hanno sfiorato la vittoria sul campo di Udine, lo stesso sul quale la Fiorentina è passata in Coppa Italia, ma con grandissima difficoltà, grazie al gol di Borja Valero e alle  prodezze di Neto. Nel Palermo visto al “Friuli” ha impressionato soprattutto l’ottima prestazione di Iljcic, il centrocampista offensivo che piace tanto a Montella che ,secondo le voci di mercato, lo avrebbe inserito nell’elenco dei giocatori che potrebbero arrivare a Firenze, se non a gennaio (Gasperini non intenderebbene  privarsene in un momento così difficile) almeno nel prossimo luglio, visto che la Fiorentina è sempre più lanciata verso la conquista di un posto in Europa.
Il risultato di domani è determinante per il Palermo, ma è di eccezionale importanza anche per la Fiorentina, in una giornata in cui anche la Lazio ( a Genova contro la Samp) e il Napoli (a Siena) sono impegnate in trasferte ugualmente insidiose e in cui è in programma il confronto diretto tra Roma e Milan, ora attardate in classifica, ma considerate sempre avversarie pericolose nella lotta per le prime poltrone, alle spalle di una Juve quasi irraggiungibile e di un’ Inter, favorita dal calendario che le assegna un turno casalingo col Genoa in crisi. Un risultato positivo permetterebbe alla Fiorentina di chiudere l'anno in letizia e in una posizione in classifica alla quale nessuno pensava all’inizio della stagione.
Per Montella, fra l’altro, non ci saranno problemi di formazione. Mancherà lo squalificato Roncaglia, ma Tomovic ha confermato anche a Udine di essere un difensore di sicuro affidamento, che ha perso il posto di titolare per l’esplosione di Savic. In porta, naturalmente, sarà confermato Neto che si è comportato molto bene col Siena e in Coppa Italia è stato, come accennavamo, uno degli artefici della qualificazione. Ma il giocatore più atteso nella trasferta siciliana, visto che a centrocampo Pizarro riprenderà il suo posto accanto a Borja Valero e Aquilani, è sicuramente Jovetic. Il goleador viola ha già disputato due larghi spezzoni di partita contro il Siena e l’Udinese e non ha offerto prove esaltanti, risentendo della lunga assenza dai campi di gioco. Ora sono da attendersi suoi consistenti progressi, che potrebbero permettergli di ritrovare lo straordinario rendimento d’inizio campionato. Una grande partita di Jovetic potrebbe dicidere  il risultato e sarebbe la più buona notizia di fine d’anno per una Fiorentina che intende continuare a recitare la parte di vera rivelazione del campionato.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »